Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Ciclismo  >  Current Article

Tour de France: il Froome che non t’aspetti

By   /   7 Luglio 2012  /   Commenti disabilitati su Tour de France: il Froome che non t’aspetti

Quest’oggi ha finalmete preso inizio il Tour de France degli uomini di classifica. Il primo arrivo in salita ha letteralmente fatto esplodere la corsa, da quest’oggi qualcuno sa già che il Tour non potrà vincerlo.

Pronti, via e come sempre è partita la fuga di giornata. Tra loro Samuel Sanchez. Il fortissimo corridore spagnolo le ha provate tutte, ma bisogna ricordare che la corsa francese lui la sta vivendo in sella sei ore al giorno con lo scafoide rotto. I fuggitivi di giornata per qualche km hanno assaporato la possibilità d’arrivare al traguardo, ma quando il team sky ha deciso di fare corsa dura per loro non c’è più stato nulla da fare. La formazione capitanata da Wiggins ha imposto un ritmo incredibile che, metro dopo metro, ha sfinito tutti gli avversari. Tutti ad eccezione di Cadel Evans e di uno splendido Vincenzo Nibali. Nei metri finale della salita di La Planche des Belles Filles, l’australiano campione in carica assaporava la vittoria di tappa, ma non aveva fatto i conti con Chris Froome. Il gregario di Bradley Wiggins non solo ha lavorato per il suo capitano, ma è stato ance in grado di rilanciare l’azione finale di Cadel Evans, andando a staccare sia il suo capitano che la coppia Evans-Nibali. L’impressionante azione del corridore sky gli è valsa la vittoria di tappa ed ha consegnato la maglia gialla a Wiggins.

“Quello di oggi è stato un bel test: sulla carta questa salita finale sembrava molto più facile, ma la Sky ha fatto un ritmo pazzesco – ha dichiarato Vincenzo Nibali al termine della gara-. Nel finale c’era anche la voglia di sprintare, ma era molto difficile e siamo arrivati sgranati. Non mi aspettavo una selezione così grande, è vero che la prima salita da sempre fastidio, ma era difficile da prevedere tutto questo. Sono soddisfatto perché siamo stati davanti bene e la squadra mi ha dato una grande mano, quindi ci sono tutti i presupposti per andare avanti bene”. Sulla stessa linea anche il suo compagno Ivan Basso. “È stata una tappa molto difficile, – ha ammesso il varesino giunto al traguardo a quasi 3′ dal vincitore – la salita finale aveva una pendenza elevata che ha lasciato il segno e ha provocato distacchi già significativi tra gli uomini di classifica. Per noi della Liquigas Cannondale è stata un’ottima giornata: sapevamo che la Sky avrebbe imposto un ritmo infernale sin dalle prime rampe, ma Vincenzo è stato bravissimo. Adesso dobbiamo continuare così”

Da segnalare infine, la resa di Rjder Hesyedal. Il vincitore del Giro si è ritirato in seguito ai postimi delle cadute dei giorni scorsi.

Il Tour de France continuerà domani con l’8a tappa. Il plotone andrà da Belfort a Porrentruy per una giornata adattissima a chi non ha paura d’andare in fuga.

ORDINE D’ARRIVO – 1. Christopher Froome (Gbr) – Garmin-Barracuda 4h58’35”; 2. Cadel Evans (Aus) – BMC + 0’02”; 3. Bradley Wiggins (Gbr) – Sky, stesso tempo; 4. Vincenzo Nibali (Ita) – Liquigas-Cannondale + 0’07”; 5. Rein Taaramae (Est) – Cofidis + 0’19”; 6. Haimar Zubeldia (Spa) – Radioshack-Nissan + 0’44”; 7. Pierre Rolland (Fra) + 0’46”; 8. Janez Brajkovic (Slo) – Astana, stesso tempo; 9. Denis Menchov (Rus) – Katusha + 0’50”; 10. Maxime Monfort (Bel) – Radioshack-Nissan + 0’56”.

CLASSIFICA GENERALE – 1. Bradley Wiggins (Gbr) – Sky 34h21’20”; 2. Cadel Evans (Aus) – BMC + 0’10”; 3. Vincenzo Nibali (Ita) – Liquigas-Cannondale + 0’16”; 4. Rein Taaramae (Est) – Cofidis + 0’32”; 5. Denis Menchov (Rus) – Katusha + 0’54”; 6. Haimar Zubeldia (Spa) – Radioshack-Nissan + 0’59”; 7. Maxime Monfort (Bel) – Radioshack-Nissan + 1’09”; 8. Nicolas Roche (Irl) – Ag2r + 1’22”; 9. Christopher Froome (Gbr) – Garmin- Barracuda + 1’32”; 10. Michael Rogers (Aus) – Sky + 1’40”.

di Antonio Massariolo

    Print       Email

You might also like...

Il Nuovo Latina Lady vince contro lo Sporting Latina Women

Read More →