Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Calcio  >  Current Article

Dispetti di mercato sull’asse Inter-Juventus

By   /   21 giugno 2012  /   Commenti disabilitati

Il calciomercato non ha regole precise. È fatto anche di manovre di disturbo, di depistaggi, di trattative create ad arte per far lievitare il costo di un giocatore. Inter e Juventus ci stanno mostrando cosa significa fare mercato, soprattutto in un momento di vacche magre. Pochi soldi nel portafoglio? Allora sotto con le idee e con il “lavoro sporco”.

Prima è stato il turno di Verratti. Il baby playmaker, erede designato di Pirlo, è stato a lungo corteggiato dalla Juventus. Già prima della fine del campionato di serie B Marotta aveva intavolato una trattativa con il Pescara per assicurarsi il giovane centrocampista. L’Inter, con l’assistenza dall’onnipresente Genoa, ha tentato di mettersi di traverso. Un blitz che solo la volontà del presidente degli adriatici di rispettare la parola data alla dirigenza della Vecchia Signora ha fatto saltare. Al momento non è stato ancora trovato l’accordo con Verratti, ma a meno di clamorose sorprese, anche il Napoli attende speranzoso, il pescarese diventerà un giocatore della Juventus.

Poi è toccato a Giovinco. Il giocatore, a metà tra Parma e Juventus, è finito nel radar di Branca. Perfetto per il gioco di Stramaccioni, quindi via all’assalto. La Juventus ha voluto tutelarsi e si è ricomprata l’intero cartellino del giocatore: 11 milioni di euro.

Due a zero per la Vecchia Signora. Marotta nelle ultime ore sta tentando un altro colpo basso ai rivali nerazzurri. Attraverso Conte ha infatti dato il via al corteggiamento di Ranocchia. Il difensore attende di conoscere quale futuro ha pensato l’Inter per lui. Improbabile un suo approdo in casacca juventina, a meno di clamorose offerte. Nonostante un’annata non esaltante Ranocchia è uno dei mattoni da cui ricostruire le fondamenta neroazzurre.

La situazione più complicata è però quella di Destro. L’attaccante, cresciuto nel vivaio dell’Inter, sembrava pronto a far ritorno alla base. Rimaneva da definire la situazione tra Genoa e Siena. Un dettaglio, visto l’accordo già raggiunto tra il Grifone e il club toscano: Destro tutto rossoblù per circa 6 milioni di euro. Il Siena però ha sparigliato le carte, esercitando il diritto di riscatto della metà del cartellino. Dietro c’è la lunga mano della Juventus?

Si prevedono nuovi intrecci tra le due. La Juventus intanto ha chiuso per Giovinco, per reale interesse o per evitare di farselo scippare dalla concorrenza interista? Undici milioni sono una bella cifra che va a diminuire le disponibilità per arrivare al famoso top player (la storia dura da tre estati). L’Inter invece fatica a mettere a segno colpi in grado di risvegliare l’entusiasmo dei tifosi. Far cassa è difficile, per via dei pesanti ingaggi di Maicon e compagni. Branca ha annunciato sacrifici necessari, anche impopolari. Serve astuzia e fantasia, quella che mostra di avere Galliani. Il Milan assesta un interessante uno-due interessante. Arrivano, sempre grazie all’aiuto del Genoa, il difensore Acerbi e il centrocampista Constant. Non saranno grandi nomi, ma in tempi di austerity i rossoneri mostrano di avere la capacità di fare un mercato intelligente.

di Luca Paradiso

    Print       Email

You might also like...

rogers

Clenbuterolo: nessuna squalifica per Michael Rogers

Read More →