Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Fumetti  >  Current Article

Red Dread Atto primo

By   /   17 giugno 2012  /   2 Comments

Pochi giorni fa un grandissimo autore è stato ospite della fumetteriaNero di China” di Roma, precisamente alla Garbatella, ed i più attenti di voi, avendo letto il titolo della recensione, avranno capito che l’autore in questione è Alessandro Vitti.

L’ultima opera di Alessandro Vitti è Red Dread con la collaborazione dal grandissimo Matteo Strukul in veste di sceneggiatore di fumetti.

La protagonista di questa serie è Mila Zago, professione bounty hunter, ragazza dal passato torbido e pieno di sofferenza che adesso lavora per la BHEG (Bounty Hunter European Gilda). Durante la missione, narrata in questo primo numero della serie, Milla si dovrà scontrare con un’organizzazione di schiavisti che rapiscono gli immigrati clandestini dai centri di permanenza per metterli al lavoro nelle coltivazioni di papaveri. Lo sfruttamento degli immigrati però nasconde una realtà da incubo che nessuno si sarebbe aspettato.

Dal punto di vista grafico il lavoro di Alessandro Vitti è ottimo, conferma quanto fatto di buono nei suoi precedenti lavori come su Secret Warriors per la Marvel e anzi essendo Red Dread in bianco e nero si riescono a cogliere meglio tutti i piccoli dettagli che Alessandro inserisce nelle sue tavole e che spesso con la colorazione vengono persi o si notano meno. Inoltre la scelta del formato delle pagine permette una costruzione cinematografica delle tavole dal dinamismo eccezionale.

La storia scritta di Matteo Strukul, oltre ad essere appassionante e dal ritmo incalzante, è piena di citazioni Pop, che i più attenti tra i lettori troveranno deliziose. Inoltre il personaggio di Mila Zago è anche la protagonista del romanzo: “La ballata di Mila” (romanzo scritto da Matteo Strukul) pertanto questo fumetto si inserisce in una continuity narrativa che passa tra i due medium senza alcun problema.

Dal punto di vista editoriale il lavoro della Lateral Publish è ottimo, abbiamo un albo spillato in bianco e nero dal formato “wide-screen” o meglio “a striscia” ed una copertina soft cover realizzata sempre da Alessandro Vitti. A proposito di copertina se ne avrete l’opportunità comprate la copertina in limited edition bianca, in modo da farvi realizzare una cover personalizzata da Alessandro, quindi ogni copertina un pezzo unico al mondo.

Concludendo un albo quasi perfetto, ma perché quasi?

Perché finisce troppo presto e sul più bello della storia! Questo è un pregio se ci pensiamo bene, se fosse stato un fumetto brutto o noioso non ci saremmo accorti che finiva troppo presto, quindi direi che Red Dread è breve ma intenso, dinamico, adrenalinico, Pop, tarantiniano, Pulp, horror ma soprattutto ottimamente disegnato e scritto in maniera eccelsa.

Consigliatissimo a tutti gli amanti del bel fumetto!

P.s. Se siete appassionati di personaggi Marvel ed avete adorato i lavori di Alessandro Vitti su Secret Warriors vi consiglio anche lo Sketchbook, edito dalla Lateral Publish, uno spettacolo per gli occhi.

Red Dread Atto primo, Lateral Publish, Spillato, B\N, Pag. 24. Euro 6,00

Red Dread Atto primo, Lateral Publish, Spillato, B\N, Pag. 24. Euro 10,00 (limited edition)

di Ruffino Renato Umberto

    Print       Email
  • Renatoumberto

    In effetti Alessandro si è veramente scatenato nel fare i disegni per i lettori accorsi da Nero di China…peccato non poterli mettere tutti nell’articolo…cmq per chi fosse curioso c’è sempre Facebook dove sbirciare ;)

  • Pierpaolopasquini

    Quanto è bella la mia Vedova Nera!!!

You might also like...

BLUEBERRYg1

Blueberry N°1 Fort Navajo

Read More →