Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Kuwait: condannato a 10 anni per tweet offensivi

By   /   9 giugno 2012  /   Commenti disabilitati su Kuwait: condannato a 10 anni per tweet offensivi

In Kuwait un Tweet può costare una dura condanna. E’ quanto successo a Hamad al-Naqi, un esponente della minoranza musulmana sciita che il 5 giugno 2012 è stato condannato a 10 anni di carcere e lavori forzati per aver postato su Twitter commenti giudicati offensivi nei confronti delle autorità dell’Arabia Saudita e del Bahrein e dell’Islam.

Arrestato il 27 marzo, Al-Naqi continua a sostenere che il suo account su Twitter è stato attaccato e che non è stato lui l’autore di quei testi. Il giorno in cui al-Naqi è stato condannato- riporta Amnesty International– l’emiro del Kuwait aveva respinto un emendamento al codice penale secondo il quale “insultare Dio, i suoi profeti e i suoi messaggeri” avrebbe automaticamente comportato una condanna a morte. L’emendamento però, può ancora diventare legge, superando l’eventuale veto dell’emiro, se approvato da due terzi dei parlamentari.

L’APPELLO ALLE AUTORITA’ DEL KUWAIT- Hanno lanciato un appello in suo favore Human Rights Watch e Amnesty International che ne richiedono l’immediato rilascio. Secondo Human Rights Watch la motivazione della sentenza è politica. “La magistratura del Kuwait ha violato gli standard internazionali in modo evidente, punendo al-Naqi per aver criticato i paesi vicini”, ha dichiarato in una conferenza stampa Joe Stork, vice direttore della sezione Medio Oriente di Human Rights Watch.”La sentenza ha il chiaro intento di terrorizzare i kuwaitiani spingendoli a non esprimere la loro opinione politica”.

Human Rights Watch condanna il Kuwait, in quanto stato firmatario della Convenzione Interazionale sui diritti civili e politici, e invita il governo a rivedere l’articolo 15 della Legge Nazionale sulla Sicurezza dello Stato che prevede un minimo di tre anni di carcere per “la diffusione intenzionale di notizie, video, commenti che mettono a rischio la sicurezza nazionale”.

ALTRI CASI- Altri cittadini kuwaitiani sono stati o sono sotto processo per aver espresso le proprie opinioni sui blog e su Twitter. Nasser Abul, attivista online, è stato arrestato il 7 giugno 2011 con l’accusa di aver violato “la sicurezza nazionale”,“danneggiato gli interessi del paese” e “compromesso le relazioni politiche tra paesi amici”, a causa di alcuni messaggi postati su Twitter. Il 24 settembre, è stato giudicato colpevole di aver pubblicato commenti offensivi sulla comunità musulmana sunnita e condannato a tre mesi di reclusione; è stato tuttavia subito rilasciato in considerazione del tempo già scontato in carcere. È stato poi prosciolto dall’accusa di aver offeso le famiglie regnanti del Bahrain e dell’Arabia Saudita.

di Elisa Cassinelli

    Print       Email

You might also like...

air force base drone in Qtar

Gli USA lanciano una nuova campagna di drones contro IS in Siria

Read More →