Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Ambiente  >  Current Article

FAO: calo indice dei prezzi alimentari

By   /   9 giugno 2012  /   Commenti disabilitati


I prezzi alimentari mondiali sono calati sensibilmente a maggio a causa di una crescente incertezza economica globale, del rafforzamento del dollaro USA e di una situazione generalmente favorevole delle forniture” ha dichiarato nell’ultimo rapporto la FAO. L’indice dei prezzi alimentari, che misura la variazione mensile dei prezzi internazionali di un paniere di prodotti alimentari di base è diminuito del 4% nel mese di maggio (con una media di 204 punti, 9 punti in meno rispetto ad aprile).

Si tratta del livello più basso dal settembre 2011 e il 14% rispetto al picco registrato nel febbraio 2011.”I prezzi dei prodotti agricoli sono diminuiti drasticamente dal loro livello di picco, ma sono ancora elevati e vulnerabile a causa dei rischi legati alle condizioni meteorologiche e a causa dell’incertezza di carattere economico che continuerà ad abbattersi a livello globale“, ha affermato l’analista della FAO Abdolreza Abbassian. Inoltre la FAO ha rappresentato nel rapporto che aumenterà la previsione per la produzione cerealicola mondiale, raggiungendo i 48,5 milioni di tonnellate: ciò è legato principalmente alle aspettative di un raccolto eccezionale di mais negli Stati Uniti. Le ultime previsioni della FAO per la produzione cerealicola mondiale nel 2012 si attestano ad una cifra record di 2 milioni di tonnellate, 3,2 % in più rispetto al record registrato nell’anno 2011.

La maggior parte di questo aumento si prevede, come detto, arrivi dagli Stati Uniti, grazie ad un anticipo della stagione di semina e di condizioni generalmente favorevoli delle coltivazioni. Come risultato, la produzione mondiale di cereali è stimata essere pari a poco più di 1  milioni di tonnellate, con un forte aumento rispetto all’anno precedente. Tuttavia, il risultato dipenderà in gran parte dalle condizioni meteorologiche dei prossimi mesi in quanto ancora non sono ultimate le fasi di semina, e gran parte del raccolto è in una fase molto precoce di crescita. La previsione della produzione globale di riso nel 2012 è più solida e punta a un aumento del 2,2% rispetto all’anno 2011. Questo riflette principalmente l’aumento della superficie coltivata in Asia. Per il frumento, le ultime indicazioni indicano una contrazione di circa il 3% della produzione nel 2012 e si attestano a 680 milioni di tonnellate, ben al di sopra della media degli ultimi cinque anni.

La produzione mondiale di cereali è destinato ad aumentare di almeno il 2% nel 2012/13, fino a circa 2 milioni di tonnellate, con una crescita di produzione di mangimi del 3,8%. Uso alimentare è previsto un aumento di poco più dell’1%, alla pari con la crescita della popolazione mondiale. All’attuale previsione, la produzione mondiale di cereali supererà l’utilizzo previsto nel 2012/13 (che è stato rivisto al rialzo rispetto al mese scorso a 19 milioni di tonnellate, pari all’1%) e portare ad una significativa ricostituzione delle scorte mondiale di cereali, 36 milioni di tonnellate, rispetto alla scorsa stagione.

di Salvatore Verde

    Print       Email

You might also like...

House for Trees

In Vietnam l’urbanizzazione ecosostenibile è già realtà

Read More →