Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Argentina. Identificato il corpo di un altro desaparecidos

By   /   25 maggio 2012  /   Commenti disabilitati

I test del DNA condotti dagli esperti di medicina legale, hanno identificato i resti del corpo trovato al largo delle coste Uruguayane nel 1976. Si tratta di Roque Orlando Montenegro che sparì il mese prima che i militari prendessero il potere in Argentina, uno dei tanti cosiddetti “morti volanti”, persone che venivano scaraventate vive fuori dall’aereo in volo. Questo era infatti il modo con cui i politici si liberavano degli oppositori.

La figlia, Victoria, cresciuta dalla famiglia di un  militare, solo nel 2000 ha scoperto la sua vera identità. Ha cercato a stento di trattenere le lacrime quando le fu annunciato che il padre era stato identificato grazie a un paziente lavoro del Team Argentino di Medicina Legale e Antropologia (Equipo Argentino de Antropología Forense  – EAAF) . “Non ci sono parole per descrivere la moltitudine di sentimenti che provo. Da un lato, c’è il dolore di sapere che i resti appartengono a mio padre e che lui ha dovuto subire una simile e tragica fine, dall’altro provo un sentimento di pace che solo da la verità”.

Abbiamo recuperato i resti del signor Montenegro, conosciuto con il nome di Toti, che all’epoca, quando sparì, aveva solo 20 anni. I familiari erano militanti di sinistra del “People’s Revolutionary Army” (ERP)”, ha affermato un rappresentante del’EAAF, Carlos Somigliana.

Nel febbraio del 1976, un mese prima del colpo di stato dei militari, la famiglia, compreso Victoria che aveva appena pochi giorni di vita, furono sequestrati e scomparve. La bambina fu adottata da un Colonnello dell’Esercito, Hernan Tetzlaff, che le ha sempre detto che i suoi genitori erano morti in “scontro”, in località William Morris.

Ventiquattro anni dopo, attraverso i testi sul DNA, effettuati grazie al movimento delle “Nonne di Plaza de Mayo”, un’organizzazione Argentina per i diritti umani che ha la finalità di localizzare e restituire alle famiglie legittime tutti i bambini sequestrati e spariti nell’ultima dittatura militare, si è giunti alla verità, cioè che il corpo seppellito, come sconosciuto, presso il cimitero di Colonia del Sacramento in Uruguay era proprio di Roque Orlando Montenegro. I resti della madre, Hilda Ramona Torres, non sono mai stati trovati.

Per la presidente del movimento, Estela Barnes de Carlotto, il caso di Roque Montenegro “conferma che la repressione è iniziata prima del colpo di stato”. Il gruppo dei Diritti Umani stima che almeno 30 mila persone furono uccise e fatte sparire in Argentina durante la cosiddetta “sporca guerra”, dal 1976 al 1983.

Le Nonne di Piazza de Mayo hanno identificato dozzine di bambini e bambine vittime della repressione militare. Ma molti ancora non conoscono la loro vera origine, tenuto conto che, se si dovesse scoprire, i loro genitori adottivi sarebbero coinvolti in azioni illegali.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

guerra ucraina

Ucraina. Si combatte per conquistare lo sbocco al mare

Read More →