Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Siria. Due forti esplosioni a Damasco

By   /   10 Maggio 2012  /   Commenti disabilitati su Siria. Due forti esplosioni a Damasco

Questa mattina 2 esplosioni hanno colpito il quartiere di al-Qazzaz, a sud della capitale Siriana, causando dozzine di morti e feriti.

Per la TV di stato si tratta dell’ennesimo atto terroristico. In realtà, la capitale è stata teatro di numerosi attentati condotti dal fronte anti governativo. L’ultimo è stato in aprile, quando almeno 10 persone hanno perso la vita a causa di un suicida che si è fatto esplodere nei pressi di una moschea.

Sul posto si è recato anche il capo degli osservatori dell’ONU, mentre la televisione mostrava le immagini di diecine di veicoli dilaniati e incendiati, alcuni con ancora dentro i corpi delle persone. La strada si presenta come un enorme cratere.

Le due esplosioni sono avvenute contemporaneamente nel quartiere di al-Qazzaz che è sede della rete di intelligence militare coinvolta nelle misure restrittive poste in essere dal Presidente Bashar al-Assad contro le proteste a favore della democrazia.

Nel frattempo, nella notte l’Esercito Siriano ha bombardato la città di Homs e, secondo le forze di opposizione, si tratta del bombardamento più pesante condotto contro la città, dove gli osservatori ONU sono rimasti nella speranza di fermare i militari e costringerli ad un cessate il fuoco.

Come noto gli osservatori, circa 70 in tutto,i sono schierati da circa un mese e fanno parte di un gruppo congiunto Nazioni Unite – Lega Araba per implementare un piano di pace. Tuttavia, la loro presenza finora non ha prodotto alcun risultato tangibile e le violenze sono all’ordine del giorno in tutto il Paese e si sono estese anche alle provincie del nord, a Idlib e nella città di Hama.

Secondo le Nazioni Unite, dallo scorso marzo 2011, quando sono iniziate le proteste contro il governo, hanno perso la vita circa 9 mila persone, mentre per il governo il totale dei morti è di 3.838 di cui 2.493 civile e 1.345 militari delle forze di sicurezza governative.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →