Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Basket  >  Current Article

I Bobcats in corsa per…diventare la peggiore squadra nella storia NBA

By   /   18 Aprile 2012  /   Commenti disabilitati su I Bobcats in corsa per…diventare la peggiore squadra nella storia NBA

Brutto a dirsi ma le statistiche parlano chiaro. Gli Charlotte Bobcats, al termine di questa stagione, potrebbero diventare la peggior franchigia di sempre nella storia NBA.

Finora il record dei Bobcats è di 7 vittorie a fronte di ben 53 sconfitte. Con ancora 6 partite da disputare, Charlotte potrebbe far registrare la peggior percentuale di vittorie (per ora siamo al .106) battendo il “record” dei Philadelphia 76ers della stagione 1972-73 di 9 vittorie e 73 sconfitte (.110).

“Siamo alla disperata ricerca di una vittoria – ha detto la guardia Matt CarrollNessuno vuole essere ricordato come giocatore della peggiore squadra della storia NBA. E’ già da una paio di settimane che ne parliamo con gli altri ragazzi ma la vittoria fatica ad arrivare”.

Di certo il calendario non aiuta i Bobcats che questa notte ospiteranno i Chicago Bulls (privi di Derrick Rose). Le altre cinque partite rimanenti sono contro i Memphis Grizzlies e Sacramento Kings in casa, Washington Wizards e Orlando Magic in trasferta per poi chiudere con l’ultimo incontro casalingo con i New York Knicks.

Le occasioni non mancherebbero, Kings e Wizards su tutti, ma i ragazzi di coach Silas non più tardi di una settimana fa, per esempio, sono riusciti a perdere con ben 28 punti di scarto proprio con Washington, la squadra con il secondo peggior record della lega.

Inoltre va segnalata l’assenza sino al termine della stagione del miglior realizzatore nonché leader in campo, Corey Maggette. E, come se non bastasse, è di queste ore la notizia di un pesante alterco nello spogliatoio tra Tyrus Thomas e coach Paul Silas con i due che sarebbero quasi venuti alla mani…

Non rimane altro da fare se non cercare di salvare il salvabile, basta una vittoria. In bocca al lupo Bobcats.

di Andrea Centenari
follow me on Twitter

    Print       Email

You might also like...

GP Suzuka – Giappone: l’analisi della gara

Read More →