Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Calcio  >  Current Article

Gomez all’ultimo minuto mata il Real Madrid

By   /   17 Aprile 2012  /   Commenti disabilitati su Gomez all’ultimo minuto mata il Real Madrid

La deviazione sotto misura del “torero” Mario Gomez al minuto 90 decide l’andata della prima semifinale di Champions League. All’Allianza Arena il Bayern Monaco si aggiudica il primo round della sfida contro il Real Madrid e conferma la propria tradizione positiva contro le merengues. Mai gli iberici hanno vinto sul campo dei bavaresi. Il 2 a 1 finale lascia però apertissimo il discorso qualificazione in vista del ritorno in programma mercoledì prossimo.

Ha vinto la squadra che ci ha maggiormente provato. Soprattutto nel secondo tempo, dopo il pari di Ozil, i bavaresi hanno costretto gli avversari nella propria metà campo, lasciando a Ronaldo e compagni pochissime possibilità di presentarsi dalle parti di Neuer. Il portoghese è stato il grande assente della serata. CR7 ha dato prova del suo talento solo in occasione del gol dell’1 a 1, quando ha servito lo smarcato Ozil a pochi passi dall’ormai battuto Neuer. Diversa la gara dei tenori del Bayern. Ribery ha sbloccato la partita al minuto 17, anche se nell’occasione il collaboratore dell’arbitro non ha rilevato una posizione di fuorigioco (situazione difficile da rilevare, come lo stesso Mourinho ha ammesso in conferenza stampa), Robben invece è stato una costante minaccia alla difesa madrilena, mettendo spesso in difficoltà l’avversario diretto Coentrao.

Il Bayern è apparso più manovriero, mostrando di aver superato il periodo di appannamento che nelle ultime settimane lo ha allontanato dalla vetta della Bundesliga. Heynckes alla vigilia aveva messo in guardia i suoi ex. Ha mantenuto la parola, imbrigliando le merengues e colpendole nel momento decisivo. Nel finale i cambi effettuati dai due allenatori hanno dato un chiaro segnale su quale delle due volesse tentare di vincere la gara. Se Mourinho si è coperto con l’inserimento di Marcelo e Granero, Heynckes ha preferito buttare nella mischia il più offensivo Muller al posto di un non ancora pienamente ristabilito Schweinsteiger.

Il Real ha deluso le aspettative, mettendo in mostra un atteggiamento oltremodo speculare e chiaramente indirizzato a portare a casa un pari per giocarsi tutto nel match del Santiago Bernabeu. Contro una difesa non impermeabile come quella dei tedeschi sarebbe servita una maggiore iniziativa da parte dgli avanti blancos. Baricentro troppo basso per il Real e pochissimi giocatori ad accompagnare l’azione.

La prossima sarà una una settimana decisiva per la squadra di Mourinho. Sabato sfida al Camp Nou contro il Barcellona, mercoledì ritorno contro i tedeschi. Nella Liga il Real è avanti di 4 punti e può gestire il vanatggio, contro il Bayern al ritorno non servirà un’impresa, ma una gara da vero Real. In una settimana… tutto a niente.

Bayern Monaco: Neuer, Lahm, Boateng, Badstuber, Alaba, Gustavo, Schweinsteiger (61′ Muller), Robben, Kroos, Ribery, Gomez. In panchina: Butt, Rafinha, Contento, Pranjic, Tymoschuk, Olic. All. Heynckes.

Real Madrid: Casillas, Arbeloa, Pepe, ramos, Coentrao, Khedira, Xabi Alonso, Ozil (69′ Marcelo), Di Maria (80′ Granero), Benzema (84′ Higuain), Ronaldo. In panchina: Adan, Raul Albiol, Varane, Kakà. All. Mourinho.

Marcatori: Ribery al 17′, Ozil al 53′, Gomez al 90′.

di Luca Paradiso

    Print       Email

You might also like...

Europei Under 21: Spagna 2 – Germania 1

Read More →