Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Colombia. Il ribelli del Farc rilasciano 10 ostaggi

By   /   3 Aprile 2012  /   Commenti disabilitati su Colombia. Il ribelli del Farc rilasciano 10 ostaggi

Il FARC (Revolutionary Armed Forces of Colombia), un gruppo ribelle di sinistra che combatte dagli anni ’60 per conquistare il potere in Colombia, ha rilasciato gli ultimi 10 militari e poliziotti in loro ostaggio.

Gli ostaggi, dopo circa 10 anni di prigionia, sono stati trovati nella giungla e tratti in salvo da elicotteri militari Brasiliani, che li hanno trasportati all’ospedale di Villavicencio, dove ad accoglierli erano anche i familiari.

Il Presidente Colombiano, Manuel Santos si è congratulato per il rilascio degli ostaggi, ma ha anche sottolineato che il gesto non è “abbastanza” da parte dei ribelli. “Salutiamo con gioia il ritorno dei militari e dei poliziotti” ha detto il Presidente, che ha aggiunto “La libertà è stata ritardata ma ora è vostra, per la felicità dell’intero Paese”.

Il rilascio degli ostaggi e la promessa da parte del Farc di non rapire più a scopo di estorsione non “è abbastanza” poiché si ritiene che ancora nelle mani dei ribelli ci siano centinaia di civili e per questo il governo continuerà a combattere i gruppi armati. ”Quando il governo riterrà che si siano abbastanza garanzie per iniziare un processo che porti alla fine del conflitto, il Paese lo saprà”.

Il rilascio degli ostaggi è stato coordinato con il Comitato della Croce Rossa Internazionale (ICRC) e un gruppo di mediatori Colombiani guidati dal senatore Piedad Cordoba. “Siamo felicissimi del successo di questa operazione che ha portato alla riunificazione di dieci famiglie che attendevano da lunghi anni”, ha detto il capo della IRCR, Jordi Raich.

Negli ultimi dieci anni il Farc ha subito una serie di battute d’arresto e la perdita di molti comandanti che ha inciso anche sulla loro spinta motivazionale. Per molti anni i ribelli hanno utilizzato i rapimenti a scopo di estorsione sia per finanziarsi e sia per utilizzali come merce di scambio per il rilascio di guerriglieri detenuti.

I rapimenti erano diventati così numerosi che, dopo il traffico di droga, hanno rappresentato la loro seconda fonte di guadagno, ricevendo la dura condanna di tutta la comunità mondiale. Ma lo scorso febbraio il Farc ha annunciato la fine di questa pratica.

Il rilascio dei 10 ostaggi militari si inquadra in questa promessa e lascia ben sperare per un avvio di dialogo con le forze politiche del Paese.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Emigrare? Meglio vicino a casa

Read More →