Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Attualità  >  Current Article

Oltre 600 pescatori Russi alla deriva su una lastra di ghiaccio

By   /   1 Aprile 2012  /   Commenti disabilitati su Oltre 600 pescatori Russi alla deriva su una lastra di ghiaccio

E’ finita bene l’avventura per 675 Russi appassionati di pesca sul ghiaccio. Gli abitanti dell’Isola di Sakhalin, nell’estremo est della Russia, nonostante fosse stato loro proibito, hanno colto forse l’ultima occasione della stagione per andare a pescare sul ghiaccio. Pesca molto popolare che si effettua praticando un buco nel ghiaccio.

All’improvviso, forse per il forte vento, dalla costa si è staccata una lastra di ghiaccio, portando con sé i malcapitati. Per fortuna la lastra è rimasta compatta e nessuno è caduto in acqua. Non solo, ma dopo circa 500 metri la lastra si è incagliata contro un altro banco di ghiaccio.

Sono immediatamente intervenuti i soccorsi, 48 uomini, 2 elicotteri e 11 navi, che sono riusciti a trarre in salvo tutti e 675 pescatori, che, a parte il grande spavento, nessuno ha avuto bisogno di cure mediche.
  
Il Ministero per l’Emergenza ha fatto sapere, tramite il portavoce Taymuraz Kasayev, che i residenti della zona erano stati avvisati di stare lontani dal ghiaccio. “Li avevamo avvisati attraverso i media locali di non recarsi sul ghiaccio poiché questa parte della costa è molto pericolosa”.

Uno dei pescatori salvati ha ammesso che si è trattato di un azzardo e che sapevano che le condizioni di vento potevano creare dei rischi. “Il vento soffiava dalla spiaggia ed era chiaro che qualcosa poteva accadere, ma tutti continuavano a uscire a pesca e così ha fatto anch’io…la radio aveva comunicato che questa era l’ultima possibilità di pescare sul ghiaccio e perciò ci siamo avventurati correndo il rischio. E’ stato eccitante.”

Senza dubbio è stata una avventura “eccitante”, come lo sono tutte quelle che possiamo raccontare. Se i soccorsi non fossero arrivati in tempo, probabilmente staremmo qui a parlare di una tragedia.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Attività criminali e pandemia

Read More →