Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Calcio  >  Current Article

Zeru tituli… tocca all’Inter

By   /   14 Marzo 2012  /   Commenti disabilitati su Zeru tituli… tocca all’Inter

Ecco… la profezia che si autorealizza. Quella sfida lanciata al mondo da Josè Mourinho in una conferenza stampa ormai consegnata alla storia si è abbattuta sull’Inter. “Zeru tituli”. E così sarà. Dalle 22.50 di ieri sera il club nerazzurro ha la certezza che a fine anno non vi sarà nessun trofeo da aggiungere in bacheca. Era rimasta l’utopia Champions League, Brandao ha spento anche questa illusione.

L’Inter saluta il torneo, agli ottavi di finale, nel modo più traumatico possibile, con un gol in pieno recupero che fa il paio con quello del Velodrome.

È la fine di un’era, di una stagione d’oro che già lo scorso anno aveva mostrato i primi balbettii. Sette anni di vittorie finiscono nel modo peggiore: al triplice fischio San Siro rende comunque il suo tributo a una squadra esausta, ma vogliosa di prolungare un sogno. Se solo bastasse la volontà…

Lo scorso anno fu lo Schalke 04. Un accoppiamento salutato con rilassatezza, al pari di quello con il Marsiglia. Con i tedeschi fu un bagno di sangue, con sette reti sul groppone tra andata e ritorno. Con i francesi invece hanno deciso gli episodi. Un corner in pieno recupero all’andata, un rilancio del portiere al ritorno. Segnali precisi che la fine è arrivata. Quando i singoli eventi ti girano contro e non hai la forza per affrontarli, come squadra e come singoli, la sconfitta è inevitabile.

Sarà rivoluzione, o ristrutturazione. La sostanza non cambia. Nuova guida tecnica, nuovi investimenti sul mercato, con la convinzione che non si potrà avere tutto subito. Ripartire dai giovani e puntare su pochi, ma ancora affidabili senatori. Agli altri grandi vecchi un sentito ringraziamento e l’augurio di ripetere i successi con altre maglie. Dai vari Sneijder, Maicon, Julio Cesar e Lucio si può sperare di guadagnare ancora qualche milione. Soldi che, senza le entrate della Champions League andranno centellinati e spesi in maniera chirurgica. All’Inter non serve gente come Jonathan, il miracolo Maicon si non si ripete. Serve piuttosto trovare nuovi Poli, a cui affidare un progetto di medio termine. Serve un allenatore folle, che abbia la voglia e la possibilità di ricostruire.

di Luca Paradiso

    Print       Email

You might also like...

Suzuki RGV Gamma 250 – Race replica anni 90

Read More →