Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Altri sport  >  Current Article

Volley A1M: Macerata torna seconda, in fondo c’è bagarre!

By   /   5 March 2012  /   Comments Off

La 21^ giornata del campionato maschile di volley serie A1, porta con sè un carico di novità e di “quasi” verdetti, uno su tutti la retrocessione in A2 del CMC Ravenna, in ritardo di 9 punti sulla penultima piazza e di 10 sulla terz’ultima, rispettivamente occupate da Padova e San Giustino, la matematica lascia ancora una minima speranza al collettivo romagnolo, ma le differenze tecniche sono troppe per sperare in un rilancio nel rush finale. Altro verdetto quasi consolidato è la prima posizione di Trento, per quanto concerne la regular season l’Itas Diatec ha un vantaggio di 10 punti sulla Lube Macerata, seconda in graduatoria.
Degne di nota le strisce positive di Piacenza e Belluno, entrambe alla sesta vittoria consecutiva, da non sottovalutare le sconfitte esterne di Modena e Cuneo.

Nell’anticipo del sabato è il San Giustino ad avere la meglio su Modena, per gli umbri una buona prova di squadra, per i canarini ottima la prova di Dennis, il finale condanna gli emiliani con un 3-1 figlio di due set tiratissimi, il terzo finito 28-26 ed il quarto 34-32.

L’Itas Diatec non fa sconti e nonostante il set concesso a Vibo, fa bottino pieno con i calabresi. Stoytchev opta per un turnover totale, rivoluzionando il sestetto base, per far smaltire agli eroi di coppa le scorie del match contro Macerata. Il primo set vede in campo solo i padroni di casa, con Zygadlo in stato di grazia, finirà 25-10 per Trento. Il secondo set vede andare in scena il gioco delle parti, con i padroni di casa convinti delle proprie risorse e con i ragazzi della Tonno Callipo rinati, morale della favola, i trentini faticano in difesa, Diaz e compagni prendono il largo grazie a buone percentuali in attacco e dai 9 metri.
Il terzo set è senza dubbio il più appassionante, Vibo parte in sordina, ma riesce a pareggiare sul 13 pari, per poi staccare gli avversari con un break di 4-0. Juantorena e Stokr rimettono in carreggiata il match, raggiungendo la parità sul 24-24, ne nasce un match appassionante con vari annullamenti di palle set, fino al 32-32 quando Juantorena prima a muro, poi con una pipe vincente schianta i calabresi. Il quarto set è un monologo dei trentini che passano sul corpo ormai esanime di Cernic e compagni, stremati da un terzo set micidiale. Finirà 25-15 il set che regalerà il 3-1 ai Campioni d’Italia.

Buona vittoria di Macerata contro Latina, in un match tutt’altro che sofferto, con un unico passaggio a vuoto per i marchigiani che consentono ai laziali di mettere in cascina un buon secondo set, frutto di amnesie in ricezione e qualche errore di troppo sotto rete. Una prestazione in chiaro scuro per i singoli, da una parte Omrcen e Kovar piuttosto sottotono, dall’altra un match da incorniciare per la coppia serba Podrascanin-Stankovic, devastanti a muro e in attacco.

Del match tra Belluno e Cuneo non c’è molto da dire, i veneti dominano l’intero match dalla metà del primo set, sveglia tardiva che non basta a portare a casa il primo parziale (finito 25-23 per gli ospiti), ma che serve a schiantare i piemontesi con tre set dominati finiti con i punteggi di 20-16-20. Una prestazione a dir poco superlativa quella di Fox Fei, un vero evergreen del parquet, uno che chiude il match con un 71% in attacco, 35 palle schiacciate e 26 punti a referto, “chapeau“.

Sugli altri campi, Piacenza doma il Monza con un 3-0 senza storia, con lo stesso risultato Padova fa bottino pieno contro Ravenna. A Roma, il Marmi Lanza chiude il match con un 3-1 che in virtù degli altri risultati condanna Roma (alla quarta sconfitta consecutiva) a guardarsi alle spalle, risucchiata nella lotta salvezza.

    Print       Email

You might also like...

Roller Day 2014_testa_della_42_km

Treviso: torna il Roller Day

Read More →