Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Ue concederà alla Serbia lo status di candidato

By   /   27 Febbraio 2012  /   Commenti disabilitati su Ue concederà alla Serbia lo status di candidato

L’Unione europea concederà alla Serbia lo status di Paese candidato all’Ue. Lo ha annunciato il capo della diplomazia francese, Alain Juppé, al termine del vertice mensile aperto oggi a Bruxelles.

La decisione formale spetta domani al Consiglio affari generali e poi l’ufficializzazione ai capi di stato e di governo della Ue al vertice di giovedì. Tuttavia,  i 27 ministri degli esteri considerano “che tutte le condizioni chieste alla Serbia sono state rispettate”, ha detto Juppé.

Il via libera dell’Unione europea arriva dopo un miglioramento nel dialogo tra Pristina e Belgrado in seguito agli accordi raggiunti a Bruxelles: partecipazione del Kosovo ai forum regionali e a quelli bilaterali Unione Europea-Balcani e gestione integrata delle frontiere sono infatti i punti sulla quale si base l’accordo stipulato.

“L’Unione europea – ha commentato Robert Cooper, mediatore dell’Unione Europea per il dialogo facilitato tra Serbia e Kosovo –si fonda sull’idea di una più ampia cooperazione regionale: più i governi comunicano tra loro, tanto meglio è per il benessere e la sicurezza di tutti”.

Nel testo dell’accordo, non è inclusa la dichiarazione di indipendenza del Kosovo, ma sono menzionati la risoluzione dell’Onu 1244 del 1999 e la sentenza della Corte internazionale che nel 2010 ha riconosciuto legale la dichiarazione di indipendenza di Pristina.

L’alto rappresentante della politica estera della Ue Catherine Ashton e il commissario Ue all’allargamento, Stefan Fule, hanno sottolineato che le due intese raggiunte costituiscono “un passo decisivo in avanti” verso il percorso europeo.

Un percorso, quello della Serbia, che sembra procedere positivamente. Dopo la concessione dello status di candidato, si apriranno i negoziati veri e propri: “Per lo status é fatta, ma per l’apertura dei negoziati – ha precisato il ministro francese Juppé – c’è ancora molta strada da fare”.

di Elisa Cassinelli

    Print       Email

You might also like...

Accuse e contraccuse tra Iran e Francia Germania e Regno Unito

Read More →