Loading...
You are here:  Home  >  Economia  >  Current Article

Il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti scende all’8,3%

By   /   3 Febbraio 2012  /   Commenti disabilitati su Il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti scende all’8,3%

In gennaio il tasso di disoccupazione è sceso per il quinto mese consecutivo, raggiungendo quota 8,3%, il più basso in 3 anni. L’ultima volta che si è registrato un valore in costante discesa è stato nel 1994.

Tradotto in cifre, vuol dire che negli Stati Uniti sono stati creati 243 mila nuovi posti di lavoro, il più alto valore in 9 mesi, che hanno fatto scendere il tasso di disoccupazione dall’8,5% all’8.3%. Negli ultimi tre mesi i posti di lavoro sono aumentati in media di 50 mila in più rispetto agli stessi mesi dello scorso anno.

I dati forniti dal governo, riferiti agli ultimi 5 anni, mostrano che le assunzioni sono aumentate rispetto ai due anni precedenti molto di più di quanto ci si aspettasse e che lo scorso anno sono stati creati circa 1,82 milioni di posti di lavoro, quasi il doppio rispetto al 2010.

Tuttavia, nonostante questi dati siano confortanti, rispetto al 2007, quando è iniziata la crisi, restano senza lavoro circa 5,6 milioni di persone. Sebbene l’economia nel trimestre ottobre-dicembre 2011 sia cresciuta ad un tasso del 2,8% annuo, un punto percentuale superiore allo scorso anno, gli esperti ritengono che tale crescita sia troppo lenta e che potrebbe rallentare ancora di più a causa della crisi Europea che riduce la richiesta di beni Americani.

La ripresa del mercato del lavoro ha, di conseguenza, fatto salire gli indici di borsa “futures”, infatti il Dow Jones, che prima era stazionario, è salito a 95 punti.

Per il momento resta il dato positivo della riduzione del tasso di disoccupazione. Più lavoro significa maggiori entrate e questo dovrebbe invogliare i consumatori a spendere e, quindi, far crescere l’economia. Naturalmente, tutto ciò rappresenta una carta importante per la campagna elettorale del Presidente Barack Obama, che, naturalmente, spera di essere rieletto anche per questo.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Scegliere il conto corrente bancario migliore

Read More →