Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Pallavolo  >  Current Article

Volley A1M: Trento batte Macerata e va in fuga, Modena e Cuneo KO

By   /   30 gennaio 2012  /   Commenti disabilitati

Doveva essere uno dei match più appassionanti della regular season, con due squadre in forma, pronte a darsi battaglia fino all’ultimo pallone, fino all’ultimo attacco, ma così non è stato, in campo tanto Trento e poca Lube, con brevi sprazzi di ottima pallavolo e tanti errori, 24 per i marchigiani, 20 per gli ospiti. A nulla è servito il fattore campo, l’Itas Diatec molto più cinica degli avversari ha portato a casa il primo set nonostante abbia dilapidato a metà parziale un break di 6-0. Il secondo set è tutto firmato Macerata, infatti  i marchigiani con ottimi fondamentali hanno condotto tutto il set fino al 24-21, capitalizzando gli errori dei trentini e tenendo alta l’asticella dell’attacco, ma proprio sul 24-21 qualcosa di psicologico ha bloccato le braccia dei martelli della Lube, permettendo ai “campioni di tutto” di chiudere con un roboante 26-24. Sulla scia del secondo set Trento prende in mano il set e nonostante vada segnalato qualche passaggio a vuoto, Juantorena sale in cattedra e chiude il match con due ace che confermano la sua incredibile media realizzativa dai 9 metri.

Nell’altro anticipo di sabato, Belluno ha battuto fuori casa il San Giustino al tie break. Per gli umbri troppi errori in attacco, soprattutto nel terzo set, quando con una serie di errori sotto rete hanno dilapidato un vantaggio di +6. I veneti con cinismo e pazienza hanno colpito gli avversari portando a casa il match ed ufficializzando ciò che era nell’aria da giorni, l’esonero di Fefè De Giorgi.

In settimana Cuneo ha perso contro Belluno (quarti di finale Coppa Italia), debacle che ha causato l’esonero di coach Gulinelli, il suo posto è stato preso da Camillo Placì che ha esordito nel peggiore dei modi, perdendo il quarto match consecutivo, a Latina contro l’Andreoli, compromettendo psicologicamente anche la trasferta di Champions League che vedrà i piemontesi di fronte alla Lube Macerata in uno scontro ad eliminazione diretta. I pontini dopo aver dominato il primo set, hanno lasciato il campo a Wijsmans e compagni, che dopo aver conquistato il secondo ed il terzo set a colpi di servizio, hanno permesso a Jarosz di infilare una serie di attacchi vincenti che tranquillizzano i laziali (+5 sulla zona calda), ma che gettano in un baratro psicologico i piemontesi orfani di Grbic e Mastrangelo.

Piacenza sembra risorta dopo la cura Monti, per i biancorossi grande vittoria contro il Casa Modena, ma soprattutto seconda vittoria in tre matches, prima dell’arrivo di Monti, Angelo Lorenzetti riuscì a conquistarne solo 2 in 14 incontri. Il primo set è un vero e proprio suicidio per i canarini che sbagliano ben 10 palloni e regalano un primo “pallino verde” ai cugini piacentini. Nel secondo set la differenza la fa Anderson, che in più occasioni riacciuffa i lupi colpendoli dai 9 metri. Il terzo set è giocato in equilibrio con Nikolov e Martino attivissimi sotto rete, ma alla fine è un ispiratissimo Samuele Papi a mettere in ginocchio i modenesi. il quarto set è una passeggiata per il Copra, Zlatanov e Holt si esaltano e chiudono il match.

Sugli altri campi Monza ha battuto Ravenna con un netto 3-0, stesso risultato per Padova e Roma a spese rispettivamente di Verona e Vibo.

di Marco De Palo

    Print       Email

You might also like...

atleticafispes

A Rieti le gare valide per i Campionati Italiani di Società FISPES

Read More →