Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Moda  >  Current Article

La Disney omaggia i Joy Division con una t-shirt. E’ polemica

By   /   25 Gennaio 2012  /   Commenti disabilitati su La Disney omaggia i Joy Division con una t-shirt. E’ polemica

Cosa hanno in comune i Joy Division, storica band post-punk britannica, con il celebre personaggio della Disney, Topolino? Secondo noi, niente…
A pensarla diversamente è proprio la Disney che ha deciso di creare una t-shirt ispirata alla copertina dell’album “Unknow Pleasures” della band di Ian Curtis, scatenando l’indignazione e le proteste dei fan.

Il disegno in questione sulle magliette, ritrae delle onde. Come tutti i fan sanno, la grafica originale dell’album, realizzata dal grafico Peter Saville nel 1979, era ispirata al primo radio pulsar catturato nello spazio nel 1967, ed è considerato un’icona della musica rock al pari della banana del primo album dei Velvet Underground.

Al contrario di quanto si possa pensare, non è stato violato nessun diritto di coprything e la maglietta è stata messa in vendita online sul sito della Disney a 24,95 dollari. Queste sono le motivazioni di una tale scelta stilistica da parte della Disney riportate sul sito:“Ispirata alla famosa copertina dell’album dei Joy Division, Unknown Pleasures, questa maglietta incorpora il logo di Topolino all’interno di un grafico ad onda, raffigurante le pulsazioni di una stella. Decisamente appropriato, visto che poche stelle hanno sollevato più onde di Topolino!”.

Non sembra particolarmente interessato all’argomento l’ex bassista dei Joy Division, Peter Hook: “Da un punto di vista legale quell’immagine è di dominio pubblico. – ha dichiarato Hook a NME.com – E’ divertente, però, notare come una colosso come la Disney punti sulla notorietà di una povera, piccola band di Manchester esistita solo per un paio d’anni”.

Questa non è la prima volta che la figura dei Joy Division viene usata per scopi commerciali. Nel 2007 un sito canadese aveva messo in vendita delle scarpe da ginnastica sempre con l’artwork di “Unknow Pleasures” e nel 2008, la Converse, utilizzò la figura di Ian Curtis per una campagna pubblicitaria.

di Andrea Centenari
follow me on Twitter

    Print       Email

You might also like...

Arriva San Valentino, boom per viaggi romantici, orologi e gioielli

Read More →