Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Boxe  >  Current Article

I primi 70 anni di Alì

By   /   17 January 2012  /   Comments Off

Non è semplice stilare una classifica per decretare il più grande sportivo di tutti i tempi. Non ci sono solo le vittorie: il più grande ha un carisma fuori dal comune, ha classe come nessun altro. Epoche diverse, discipline differenti e soprattutto una visibilità esplosa nell’ultimo decennio rischiano di non tenere in considerazione chi, fino agli anni Settanta, ha scritto le più belle pagine dello sport.

Eppure Muhammad Alì non corre questo rischio. Lui, figlio degli anni Settanta, è universalmente riconosciuto come il più grande boxer della storia. Sapeva combattere, era un personaggio fuori dagli schemi, sapeva comunicare come nessun altro suo contemporaneo. Era amato. Ha vinto. Ha perso. Ha ballato sul ring. Ha polemizzato con il potere. È stato in carcere. Ha segnato un’epoca. Era Cassius Clay, è diventato Muhammad Alì.

Se davvero esistesse quella classifica Alì ci sarebbe, davanti a tutti.

Oggi il grande pugile nato a Luoisville compie 70 anni. Il morbo di Parkinson lo ha indebolito nel fisico, ma per tutti è sempre lo stesso Alì, quello capace di “ballare come una farfalla e pungere come una vespa”.

Tanti auguri campione.

di Luca Paradiso

    Print       Email

You might also like...

Volley

Parma: consegnati i premi “Atleta dell’Anno”

Read More →