Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Fumetti  >  Current Article

Africa e fumetti

By   /   5 Gennaio 2012  /   Commenti disabilitati su Africa e fumetti

Da sempre il continente africano è fonte di ispirazioni per scrittori, musicisti ed anche fumettisti.
Tra gli autori che sono stati più legati all’Africa c’è sicuramente il maestro Hugo Pratt che, sia con il suo personaggio più famoso Corto Maltese che con la serie di guerra “Gli scorpioni del deserto”, ci racconta la sua Africa, i suoi miti e le sue tradizioni. Quello che ha reso magica l’Africa di Pratt è il fatto che l’autore ha vissuto per parecchio tempo nei luoghi descritti nei suoi fumetti. La sua sensibilità artistica e l’amore per il continente nero regala al lettore un’esperienza unica, in cui si riesce a percepire la magia e la malinconia di questo continente.

Tra le ultime opere a fumetti ambientate nel continente nero c’è la miniserie della Bonelli intitolata Volto Nascosto.

Questa miniserie di 14 numeri, scritta da Gianfranco Manfredi è ambientata in Eritrea ed Etiopia durante il periodo del colonialismo Italiano in Africa.

Il protagonista della serie è Ugo Pastore, figlio di Enea , proprietario della ditta Caput Mundi, una ditta di import\ export. Il destino di Ugo è destinato a cambiare dopo l’incontro con il leggendario Volto Nascosto, condottiero dalla misteriosa maschera d’argento, che lotta per l’indipendenza dell’Africa.

Quello che rende molto interessante il fumetto di Manfredi è l’intreccio perfetto tra personaggi di fantasia come Ugo ed altri reali come il Re Menelik II; figura chiave di questa serie edita dalla Sergio Bonelli.

Ovviamente non siamo di fronte ad un fumetto propriamente storico, ma il fatto che un prodotto da edicola unisca in maniera equilibrata storia ed avventura è sicuramente segno che i lettori vogliono leggere avventure dall’ambientazioni reali ed intriganti.

Dal punto di vista grafico la serie, in bianco e nero, è stata realizzata da alcuni dei migliori disegnatori della Bonelli tra cui Leomacs, Massimo Rotundo (autore anche delle copertine) e Gigi Simeoni.

Da alcuni anni la Bonelli sta proponendo nelle edicole delle miniserie, come questo Volto Nascosto, composte da un numero predefinito di numeri.

Questa scelta permette agli autori di poter gestire le serie senza il problema classico delle collane storiche della Bonelli come ad esempio Tex, che sembrano destinati a durare in eterno. Inoltre il modello miniserie permette una maggiore pianificazione del progetto editoriale e come succede spesso negli U.S.A. possono essere il trampolino di lancio per una serie regolare.

Volto Nascosto si è rivelato un grandissimo successo dato che proprio in questi giorni sta venendo pubblicata la seconda serie delle avventure di Ugo Pastore intitolata Shangai Devil.

Anche questa serie, come Volto Nascosto, è un fumetto con ambientazione storica, ma al contrario della prima serie, l’azione si svolge in Cina durante la ribellione dei Boxer e la maschera di Volto Nascosto servirà ad Ugo per nascondere la sua identità di eroe della rivoluzione.

Quando il fumetto incontra la storia è sempre un piacere leggerlo, magari si impara qualcosa di nuovo, magari qualche lettore si appassionerà all’Africa oppure alla Cina grazie alle storie di Manfredi.

Leggete i fumetti e approfondite la storia, vi divertirete, leggerete delle bellissime avventure a fumetti e imparerete qualcosa di nuovo sulla storia.

Di Ruffino Renato Umberto

    Print       Email

You might also like...

Toomics e Prankster Comics insieme

Read More →