Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Fumetti  >  Current Article

Top e Flop fumettistici del 2011

By   /   23 Dicembre 2011  /   Commenti disabilitati su Top e Flop fumettistici del 2011

Sta finendo l’anno e voglio esprimere alcuni giudizi su quello che è stato prodotto di bello e di brutto durante l’anno fumettistico. Ovviamente ci sono state tantissime pubblicazioni degne di nota e altre che sono state delle delusioni clamorose, io per rendere la cosa più semplice prendo, a mio giudizio, i tre  fumetti migliori ed i tre peggiori tra tutti quelli pubblicati in Italia nel 2011.

Partiamo dai Top!

Al terzo posto, medaglia di bronzo,  la miniserie edita dalla Star Comics intitolata The Secret. Questa miniserie nata dalla fantasia di Giuseppe Di Bernardo si è dimostrata come una delle migliori produzioni italiane da edicola, inoltre i temi trattati e l’ottima realizzazione ne hanno decretato il successo, sulle critiche circa il finale della serie non esprimo giudizi, ma il grande Di Bernardo per accontentare i delusi ha realizzato perfino un finale alternativo. Maestro!

L’argento lo assegno al grandissimo Asterios Polyp di David Mazzucchelli una delle graphic novel più innovative degli ultimi anni. Oltre dieci anni di impegno per realizzare  un’opera visionaria sotto tutti gli aspetti; la confezione curatissima ad opera della Coconino rende Asterios Polyp un must. Uno dei libri più belli e curati dell’anno.

L’oro! Il gradino più alto del podio lo assegno a… Bone di Jeff Smith! La Bao Pubblishing propone per la prima volta in Italia, in un unico volume, uno dei fumetti più belli ed importanti del mercato U.S.A. Inoltre di questo volume è stata realizzata una esclusivissima edizione limitata stampata in solo 101 copie, un vero pezzo da collezione!

Dopo la gloria dei Top, ecco i Flop!

Il meno Flop tra i Flop è l’ultima fatica del duo Pagani e Caluri,  creatori del dissacrante Don Zauker e di altre storie che escono sul Vernacoliere,  con le avventure del truffaldino Ramiro, che  non sono riusciti a replicare il successo ottenuto con il violento esorcista. Il problema di Nirvana è di non riuscire ad essere divertente e dissacrante come le altre opere dei Paguri, forse anche per colpa della Panini che probabilmente non approverebbe in Nirvana la scorrettezza di Don Zauker.

L’argento lo assegno al progetto Golden Age della Bottero edizioni. All’interno di questa collana sono proposti fumetti del periodo golden age, quello che mi lascia perplesso è perché si dovrebbero spendere 25 euro per 50 pagine di fumetti (i volumi sono di 100 pagine ma con le pagine in doppia versione originale e tradotta) i cui diritti sono liberi e quindi accessibili a tutti. La carta è aumentata?

Il più Flop del 2011 è il mese di Dicembre della Planeta De Agostini. Dopo aver perso i diritti di pubblicazione della Dc comics in Italia, ed anche in Spagna, l’editore Iberico si è rifiutato di distribuire i propri prodotti nel mese di Dicembre per poi fare dietrofront e “sforare” le uscite fino a Gennaio inoltrato. Se a questo disastro aggiungiamo la scarsa cura editoriale dei loro fumetti, l’assenza di qualsiasi tipo di comunicazione con i lettori ed i prezzi alti dei loro prodotti capirete che il podio dei flop è loro di diritto.

Mancano pochi giorni alla fine del 2011, secondo i Maya il mondo finirà nel 2012 quindi, sperando in un loro errore, i Top ed i Flop torneranno tra un anno.

Io vi auguro un buon Natale ed un felicissimo Anno Nuovo pieno di bellissimi fumetti!

Di Ruffino Renato Umberto

    Print       Email

You might also like...

Gherd La ragazza della nebbia

Read More →