Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Fumetti  >  Current Article

Aquaman: Death of a prince

By   /   18 Dicembre 2011  /   Commenti disabilitati su Aquaman: Death of a prince

Tempo addietro scrivevo in un articolo circa il futuro delle pubblicazioni della DC comics in Italia dopo l’uscita di scena della Planeta DeAgostini e l’arrivo, dal Gennaio 2012, della RW edizioni.

Cosa c’entra tutto questo con Aquaman? C’entra perché questo volume doveva essere una delle ultime uscite della Planeta prima del passaggio delle consegne, ma la casa editrice iberica, stizzita per aver perso i diritti DC ha deciso di sospendere le pubblicazioni.
Fortunatamente per  voi io questo volume l’ho ordinato in lingua originale (tramite il catalogo Preview) quindi vi posso recensire quello che avreste potuto leggere se la Planeta non avesse deciso di abbandonare i suoi fedeli lettori in maniera brusca e sgradevole.

Aquaman, per chi non lo sapesse, è il Re di Atlantide, un membro della JLA (Justice League of America), ed un supereroe che agisce sia sulla terraferma che nei regni sottomarini; in definitiva una  impressionante mole di impegni anche per un supereroe.
Inoltre tra le preoccupazioni di Aquaman c’è anche quella di un figlio, Arthur Jr. futuro erede del trono di Atlantide … oppure no?

Il titolo del volume è significativo, come anche la copertina che vede il triste Aquaman di fronte alla lapide di Athur Jr. mentre la sua consorte Mera lo maledice e lo incolpa della scomparsa del figlio.
Questa tragica Run di Aquaman è datata 1977-78 ed il fatto che nelle sue pagine  fosse presente la morte di un giovane di appena cinque anni fu considerato un evento sconvolgente nel mondo del fumetto all’epoca poco abituato a scelte narrative così estreme.  Inoltre questo lutto comportò tantissime conseguenze nella vita dell’eroe di Atlantide, dall’abbandono da parte di Mera fino ad un tracollo psicofisico devastante.

I disegni di questo volume sono opera di alcuni dei migliori talenti fumettistici di tutti i tempi come Mike Grell ed il grandissimo Jim Aparo. Disegni “old school”,  che per i lettori abituati agli effetti speciali di oggi possono sembrare datati, ma che riescono a trasmettere ancora oggi una dinamicità ed espressività eccezionali.

La lunga storia che porterà al tragico destino di Arthur jr. è opera di un team di scrittori eccezionali (considerate che le storie contenute nel volume sono 29 e sono uscite nel corso di due anni) tra cui i grandissimi Paul Levitz, Gerry Conway e David Michelinie.
Dal punto di vista editoriale ci troviamo al cospetto di un ottimo volume, brossurato e con carta patinata che mette in risalto i colori di queste storie ormai storiche. Anche il prezzo è da considerarsi ottimo visto il gran numero di pagine (ben 336) che compongono questa raccolta.

Sicuramente Aquaman non è uno dei personaggi di maggior successo della Dc comics (e del fumetto Made in USA in generale) al punto che viene spesso preso in giro anche nei Cartoon dei Griffin e su South Park, ma questo volume potrebbe essere un ottimo acquisto per iniziare a conoscere un personaggio spesso sottovalutato e sfruttato male dagli autori.

Se avete voglia di cimentarvi con un volume in Inglese e volete leggere un fumetto ben scritto e ben illustrato questo è ciò che fa per voi. Se invece non avete voglia di leggere in lingua originale e sperate in un ripensamento della Planeta oppure in un recupero della RW potete solo attendere con le dita incrociate.

Aquaman:  death of a prince, Dc comics, 336 pag. Brossurato, a colori, $ 29,99. In lingua originale

Di Ruffino Renato Umberto

    Print       Email

You might also like...

Gherd La ragazza della nebbia

Read More →