Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Atletica  >  Current Article

Atletica: Europei di Cross, nulla di fatto per gli azzurri

By   /   11 December 2011  /   Comments Off

Nessun azzurro è riuscito a salire il podio questa mattina a Velenje, in Slovenia. Solo l’azzurra Nadia Ejjafini ha fatto sognare il podio, dopo una gara strepitosa ha regalato all’Italia il miglior piazzamento individuale, quarto posto. La maratoneta biellese dell’Esercito, marocchina di nascita, ha chiuso al quarto posto gli otto chilometri di percorso della prova continentale di campestre, battagliando con l’irlandese Britton, la portoghese Felix e la britannica Steel (finite nell’ordine sul podio) per quasi tutta la durata della gara.

E’ la prima italiana a classificarsi così in alto nella rassegna continentale di campestre (il miglior risultato, ad oggi, i noni posti di Sabrina Varrone ad Oeiras ’97 e Patrizia Tisi ad Edimburgo 2003). Dietro la Ejjafini, luce anche per l’altra maratoneta azzurra al via, Valeria Straneo, l’alessandrina portacolori del Runner Team 99 (allenata da Beatrice Brossa) decima al traguardo.

Italia sesta a squadre – vittoria alla Gran Bretagna – con i piazzamenti anche di Giovanna Epis (39ª) e Valentina Costanza (48ª). Fa meglio, a livello assoluto, la formazione maschile che coglie il quinto posto per team, mentre si conferma sul trono d’Europa la Francia.

Trono dal quale scende, invece, l’ucraino Serhiy Lebid (ritirato) lontano dall’ambiziosa impresa del decimo titolo continentale in carriera. Il nuovo campione è il belga di origini etiope Atelaw Bekele che ha dominato la prova dal primo all’ultimo metro. Secondo lo spagnolo Lamdassem e terzo il portoghese Rocha. Gara di rimonta per gli azzurri Stefano La Rosa (14°) e Gabriele De Nard (17°) davanti a Kaddour Slimani (23°), Yuri Floriani (30°) e il maratoneta Ruggero Pertile (44°).

Nella quattro prove giovanili che avevano aperto la mattinata sui prati sloveni, ancora supremazia della Gran Bretagna che ha conquistato altri tre titoli a squadre (Juniores maschile e femminile e Under 23 femminile) e due individuali grazie a Emelia Gorecka (junior) ed Emma Pallant (under 23). I due ori maschili sono, invece, andati a due campioni europei su pista del 2011: quello dei 3000 siepi juniores, il russo Ilgizar Safiulin, e quello dei 1500 under 23, il francese Florian Carvalho.

Proprio nella categoria under 23 la classifica per team vede il successo, per la prima volta, della formazione norvegese. In chiave italiana, il miglior risultato è stato l’undicesimo posto ottenuto a livello under 23 dallo specialista triestino dei 3000 siepi Patrick Nasti, mentre tra gli Juniores, l’altro giovane siepista siciliano Giuseppe Gerratana ha chiuso ventesimo e Virgina Maria Abate in trentacinquesima posizione. Nella due classifiche maschili per team, Italia undicesima con le Promesse e quindicesima con gli Under 20.

    Print       Email

You might also like...

zanardi_ny

La raccolta solidale di Venicemarathon

Read More →