Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

L’ex dittatore panamense Manuel Noriega torna a casa

By   /   24 Novembre 2011  /   Commenti disabilitati su L’ex dittatore panamense Manuel Noriega torna a casa

Un curriculum di tutto rispetto quello dell’ex dittatore panamense, che potrà tornare a casa molto presto. Questo è quello che ha deciso ieri una corte francese, dopo aver accolto la richiesta degli avvocati dell’ex dittatore. Manuel Noriega ha chiesto ai giudici di poter tornare a Panama per difendersi dalle accuse di spionaggio. Lo stesso si è paragonato ad Alfred Dreyfus, il militare francese accusato ingiustamente di spionaggio negli ultimi anni.

Manuel Noriega, 77 anni, ha passato gli ultimi vent’anni li ha passati in prigione, compiendo una lunga condanna prima negli Stati Uniti e poi in Francia per rispondere di riciclaggio di fondi provenienti dal narcotraffico. Ad attenderlo a Panama c’è una sentenza a 67 anni di prigione per i reati, che vanno dagli omicidi di Hugo Spadafora e del maggiore Moisés Giroldi, all’accusa di corruzione e appropriazione indebita di fondi pubblici.

Militarmente si è formato nella scuola di Chorrillos a Lima,
trasferito dall’esercito statunitense a Fort Gulick per seguire il corso di “operazioni psicologiche”, in realtà quello che insegnavano nella scuola non erano altro che tecniche di tortura, arte usata dai militari Usa, che preparavano i ranghi degli eserciti latinoamericani. L’ex dittatore nel 1967 tornò a Panama come ufficiale della Guardia Nacional, guadagnandosi la stima di Omar Torrijos, quando il generale morì nel 1981, in un misterioso e discusso incidente aereo, diventa l’uomo più potente di Panama.

La sua fortuna decade a maggio del 1989, dopo le elezioni farsa, il 3 ottobre un gruppo di ufficiali tenta un colpo di Stato e la risposta della Guardia Nacional è feroce. Il capo della rivolta, il maggiore Moisés Giroldi, fu torturato per ore e quindi ucciso. Il 20 dicembre le truppe Usa lanciano l’operazione Just Cause ed invadono Panama, mettendo a ferro e fuoco i ridotti fedeli al generale, che riuscì a stare al comando per solo due settimane, catturato e portato negli Stati Uniti venne condannato giudicato come un prigioniero di guerra e condannato a quaranta anni di prigione, ridotti in seguito a trenta. L’ex dittatore decise di convertirsi al pentecostalismo e comportandosi da carcerato modello gli fu ridotta di altri tre anni la pena e poi si fece estradare in Francia.

Ora per l’estradizione manca solo la firma del ministro francese, Francois Fillon, di certo a Panama troverà un Paese diverso e poco nostalgici dei suoi tempi.

di Armida Tondo

    Print       Email

You might also like...

Il Commissario europeo Oliver Varhelyi in Albania

Read More →