Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

L’Iran sta sviluppando la bomba atomica?

By   /   9 Novembre 2011  /   Commenti disabilitati su L’Iran sta sviluppando la bomba atomica?

Il rapporto dell’IAEA, (International Atomic Energy Agency – Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica ) presentato ieri alle Nazioni Unite, anche se scritto in modo molto tecnico e diplomatico, pone in evidenza la prosecuzione degli studi ed esperimenti nucleari condotti dall’Iran sin dal 2003.

In particolare, il rapporto non dice chiaramente che l’Iran sta attualmente sviluppando un’arma nucleare, ma esprime “serie preoccupazioni” circa i programmi nucleari e che alcune prove fanno ritenere che la Repubblica Islamica stia cercando di sviluppare un’arma nucleare.

In altre parole, l’Iran ha condotto attività “rilevanti per lo sviluppo di apparecchiature nucleari”. A sostegno di ciò, vengono elencati in dettaglio le attività che si ritiene l’Iran abbia condotto in segreto e che riguardano la costruzione di modelli di computer, lo sviluppo di detonatori, test di esplosivi ad alto potenziale e l’acquisizione di informazioni relative allo sviluppo di armi nucleari e di documentazione proveniente da una rete clandestina. Tutte attività che non si applicano alla ricerca e all’uso civile del nucleare ovvero non c’è una spiegazione semplicistica di ciò che l’Iran stia facendo se non in ragione di ottenere l’arma nucleare. Il rapporto conclude raccomandando all’Iran di “contattare senza indugio l’Agenzia per fornire chiarimenti”.

Il Presidente iraniano, Mahmoud Ahmadinejad, ha licenziato il rapporto dell’IAEA dicendo che è una “fabbricazione di fatti costruiti per soddisfare le accuse degli Stati Uniti” e ha apostrofato il direttore generale dell’IAEA un “pupazzo” nelle mani americane e, infine, ha ribadito che l’IAEA non ha alcuna giurisdizione in Iran.

Naturalmente, in Israele il rapporto ha generato una serie di speculazioni da parte dei media sulla possibilità di un attacco aereo sugli impianti. Israele considera l’Iran il suo peggior nemico considerato le innumerevoli volte in cui il Presidente Ahmadinejad ha ventilato di volere la distruzione dello stato Ebraico.

Già prima del rapporto il Ministro della Difesa Israeliano, Ehud Barak, aveva avvisato che Israele avrebbe considerato qualsiasi opzione per contrastare l’acquisizione della capacità nucleare da parte Iraniana. In risposta, il Ministro della Difesa Iraniano,  Brig. Gen. Ahmad Vahidi, aveva detto che “le Forze Amate Iraniane sono operativamente pronte e daranno una pesante risposta a tutti coloro che intendono attaccare il Paese”.

Negli Stati Uniti, invece, si tende invece a inasprire le sanzioni in modo da colpire ancora più forte sulle banche e sull’esportazione di petrolio, ma, come sempre, occorrerà vincere e convincere la Cina e la Russia, peraltro l’Iran ha già subito ben 4 serie di sanzioni per aver rifiutato di fermare il processo di arricchimento dell’uranio. In una situazione economica mondiale “molto agitata”, che sta colpendo in modo particolare i Paesi dell’Eurozona, un inasprimento delle sanzioni si tradurrebbe in un rialzo del greggio e , di conseguenza, in un aggravamento della crisi, a meno che non si immetta sul mercato il quantitativo pari a quello iraniano.

Gli Stati Uniti, quindi, sperano che la comunità internazionale, e le Nazioni Unite in particolare, facciano passi per isolare diplomaticamente l’Iran. Il Presidente, Barack Obama, ha discusso della questione con il Presidente Francese, Nicolas Sarkozy, durante l’incontro a Cannes del G20, e i due hanno convenuto di mantenere alta la pressione affinché l’Iran onori gli impegni. Speriamo.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →