Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Cinema  >  Current Article

Finalmente ha aperto Cinecittà

By   /   17 Ottobre 2011  /   Commenti disabilitati su Finalmente ha aperto Cinecittà

La notizia è di quelle importanti per tutti gli amanti del cinema. Finalmente i mitici studi che hanno visto nascere i più importanti capolavori della cinematografia italiana aprono i battenti e possono essere visitati per la prima volta dal pubblico.

Cinecittà si mostra”, allestita in occasione dei 150 anni dell’unità d’Italia, sarà fruibile sino al 30 novembre, offrendo un percorso spettacolare che consentirà di scoprire tutti i segreti del mondo della cosiddetta “settima arte”.

Cinecittà è stata opportunamente definita la “Fabbrica dei sogni” per la sua prerogativa di saper  rendere realtà la dimensione onirica: gli autori entrano in effetti con una sceneggiatura e, portato a termine il processo di lavorazione, escono con un film in grado di far sognare gli spettatori.

La mostra parte dalla storia dei settantaquattro anni della Hollywood nostrana e consente al visitatore di ammirare costumi, scenografie e set che immediatamente rimandano con il pensiero a celebri attori e registi che hanno frequentato gli Studios.

Prima di addentrarci nei particolari dell’esposizione occorre precisare che nella circostanza viene giustamente valorizzato il lavoro a volte oscuro dei tanti professionisti che ruotano intorno alla produzione di un film: dai costumisti alle sartorie, fino alla post produzione (addetti al montaggio, stampa etc). L’abilità degli artigiani di Cinecittà è infatti ingrediente importante tanto quanto la recitazione di un attore famoso.

Il percorso si snoda sia al chiuso, nella Palazzina Direzione Generale e nella Palazzina Fellini, che all’aperto, passando per Via Broadway. Ė così possibile prendere visione anche di alcuni set in cui sono state girate varie scene mitiche degli oltre 3000 film prodotti.

L’arte di “fare cinema” si può toccare con mano. Ecco apparire una selezione di abiti ed oggetti indossati dalle dive del cinema durante le riprese: il vestito bianco di Silvana Mangano in Morte a Venezia di Luchino Visconti, i lustrini di Monica Vitti in Polvere di Stelle di Alberto Sordi oppure il collare di Maria Callas in Medea di Pier Paolo Pasolini. Tra le curiosità anche gli anelli cardinalizi che Nanni Moretti ha voluto per “Habemus Papam” e gli abiti del famoso film “Cleopatra”.

Non manca la possibilità di poter osservare i grandi set all’aperto: l’imponente Foro della Roma Imperiale che si estende per quattro ettari, costruito per la serie TV Rome, nonché la Broadway di Gangs of New York di Martin Scorzese. È concretamente possibile immedesimarsi nel magico mondo della celluloide.

Sono talmente numerosi i “cimeli” esposti (tra cui statue di gesso e di cartapesta di ogni epoca e vari provini delle star del cinema) che non vale la pena di togliere al visitatore il gusto di scoprirli personalmente lungo il percorso di un’esposizione interessante e rara, tra l’altro di facile raggiungimento essendo possibile arrivare anche in metropolitana.

Cinecittà è stata la location di innumerevoli film ed è stata amata da registi come De Sica, Rossellini, Visconti, Fellini, Monicelli e poi ancora Pupi Avati, Carlo Verdone, Roberto Benigni e tanti altri. Forse anche per questo si è pensato ai registi di domani: per permettere ai genitori di godere in pieno la visita è stato infatti allestito “Cinebimbi” uno spazio ludico per i più piccoli che possono cimentarsi ad ideare per gioco la sceneggiatura di un film.

Da non perdere dunque la possibilità di carpire i segreti della mitica Cinecittà, luogo ricco di fascino e di storia, vero e proprio gioiello dell’arte e dell’industria cinematografica italiana che, in prospettiva, meriterebbe davvero di trasformarsi parzialmente in un Museo del Cinema in pianta stabile.

Cinecittà si mostra
a cura di Elisabetta Bruscolini
dal 29 aprile al 30 novembre 2011
Cinecittà, Via Tuscolana 1055, Roma
Orari. Lunedì e da mercoledì a domenica ore 10,30-18,30

di Aurora Portesio

    Print       Email

You might also like...

Conoscere e contrastare il Jihadismo

Read More →