Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Calcio  >  Current Article

Azzurri al test irlandese

By   /   10 Ottobre 2011  /   Commenti disabilitati su Azzurri al test irlandese

Domani sera, a Pescara, la nazionale di Prandelli affronterà l’Irlanda nell’ultima gara del girone di qualificazione a Euro 2012. Con gli azzurri già qualificati il commissario tecnico avrà la possibilità di ruotare gli uomini e verificare se, alle spalle dei titolari, esistono valide alternative. Nessun stravolgimento rispetto all’11 che ha impattato in Serbia. Out Marchisio, alle prese con un problema alla caviglia, il ruolo di interno di centrocampo sarà affidato a Montolivo. Con Pirlo e De Rossi il viola completerà il reparto di centrocampo. In difesa Balzaretti pare ristabilito e il suo ingresso permetterà a Chiellini di tornare al centro della difesa, in coppia con Barzagli. Sulla destra sarà Cassani a dare il cambio a Maggio. La novità più interessante riguarderà il reparto avanzato. Confermato Aquilani nel ruolo di trequartista, toccherà a Giovinco far coppia con Cassano. Un tandem inedito, composto da giocatori particolarmente dotati tecnicamente. Un esperimento, quello di non puntare su una prima punta potente, che risponde a un’esigenza. Attualmente il nostro calcio non ha un vero e proprio centravanti. Non c’è in circolazione un Bobo Vieri, capace di far reparto. Pepito Rossi è il puntero di maggior valore; un centravanti agile, rapido, con ottimo fiuto del gol. Per questo Prandelli sa sondando nuovi terreni. L’idea dei due piccoli là davanti è interessante, soprattutto per una nazionale che sta puntando sul fraseggio e sul gioco palla a terra.

Gli elogi in questi giorni si sono sprecati. Persino il ct ha storto il naso, ricordando che solo un anno fa eravamo giudicati una nazionale in declino e da ricostruire. Buffon, all’indomani della disfatta mondiale, aveva invocato una rivoluzione copernicana, preventivando il rischio di dover guardare solo in televisione la rassegna continantale di Polonia e Ucraina. Invece la prossima estate ci saremo pure noi. Il cammino netto nel girone, sette vittorie, due pareggio e zero sonfitte, sta rilanciando le quotazioni degli azzurri. In un’ipotetica griglia di partenza solo Germania, Spagna e Olanda sembrano migliori. Inghilterra e Francia, potenze dormienti del calcio continenatle, sono alle prese con i soliti storici problemi. Il Portogallo può essere una prentendente al titolo? A livello di rosa sicuramente, i lusitani però non hanno quasi mai brillato nei grandi tornei. Ecco che le speranze azzurre tornano prepotenti.

di Luca Paradiso

    Print       Email

You might also like...

Quarti di finale di Champions League: Liverpool-Atlético Madrid

Read More →