Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Scienza  >  Current Article

Assegnato il premio Nobel per la Fisica

By   /   4 ottobre 2011  /   Commenti disabilitati

Sono gli astrofisici Saul Perlmutter, Brian P. Schmidt e Adam G. Riess i vincitori del Nobel per la Fisica del 2011; la motivazione per la loro vittoria è: ”Per i loro studi sulle supernove che hanno consentito di comprendere meglio l’espansione dell’Universo”.

I tre scienziati con i risultati ottenuti dalle loro ricerche, presentati nel 1998, cambiarono sensibilmente il modo di pensare l’Universo da parte della comunità scientifica. Il team che vedeva alla guida Saul Perlmutter, aveva iniziato i suoi studi nel 1988, mentre l’altro era guidato da Brian Schmidt ed era stato lanciato nel 1994 con la collaborazione di Adam Riess.

I due gruppi di ricerca si impegnarono a mappare l’Universo, cercando le supernove più distanti con le tecnologie dell’epoca, che per la prima volta offrivano molte più possibilità per esplorare con precisione lo Spazio. Le supernove sono gigantesche esplosioni stellari che di solito costituiscono l’ultimo stadio nell’evoluzione delle stelle massicce o il risultato dell’interazione tra una nana bianca (una stella di piccole dimensioni, ultracompatta e densa) con un’altra stella con la quale orbita intorno a un comune centro di massa.

I ricercatori si concentrarono sulle supernove di “tipo la”, il risultato dell’esplosione di una nana bianca. Una supernova di questo genere può emettere tanta luce quanta un’intera galassia. I due team scoprirono oltre cinquanta supernove molto distanti la cui luce emessa era molto più bassa del previsto: significava che si stavano allontanando e che quindi l’espansione dell’Universo stava accelerando. Entrambi i gruppi di ricerca arrivarono alla stessa conclusione, benché stessero conducendo studi separati.

Gli astrofisici sapevano già da almeno un secolo che l’Universo era in espansione, una conseguenza del Big Bang che circa 14 miliardi di anni fa aveva dato l’inizio a tutto ciò che vediamo, o immaginiamo ci sia, là fuori. Perlmutter, Schmidt e Riess dimostrarono che l’Universo si espande accelerando e che se continuerà ad acquistare velocità a un certo punto, si disgregherà, secondo alcune teorie.

di Armida Tondo

    Print       Email

You might also like...

Telethon

Assegnati 11 milioni di euro alla ricerca da Telethon

Read More →