Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Arte  >  Current Article

Wayne Thiebaud accostato a Morandi

By   /   19 Settembre 2011  /   Commenti disabilitati su Wayne Thiebaud accostato a Morandi

Verrebbe da dire: “Golosi d’arte accorrete numerosi!”. Si, perché l’arte di Wayne Thiebaud, importante artista americano contemporaneo, propone spesso dolci in quantità raffigurati nei suoi quadri capaci di fare venire l’acquolina in bocca allo spettatore.

Thiebaud, nato nel 1920, è un artista di assoluto rilievo nel panorama dell’arte americana, pluripremiato e unanimemente apprezzato. I soggetti da lui rappresentati, torte, caramelle, hot dog, chewing gum, piuttosto che giocattoli o cosmetici, chiari emblemi del consumismo, hanno portato alcuni critici ad accostare i suoi lavori alla Pop Art.

Proprio come un altro grande artista italiano, Giorgio Morandi, in realtà egli ha sempre rifiutato una specifica identità di appartenenza a precisi filoni artistici.

La mostra “Wayne Thiebaud al Museo Morandi”, organizzata dal MAMbo, il Museo d’Arte Moderna bolognese e curata da Alessia Masi con la collaborazione di Carla Crawford – visitabile fino al 2 ottobre – , si inserisce nel percorso di accostamento del Maestro di Grizzana ad altri celebri contemporanei, dopo l’omaggio del 2005 a Josef Alberts e quello del 2009 a Bernd e Hilla Becker.

Anche se a prima vista non si direbbe, sono infatti molteplici le affinità tra Morandi e il noto artista californiano: in entrambi è forte l’attenzione alla tecnica pittorica e agli aspetti geometrici della composizione. Già questo particolare comporta una diversa ricerca rispetto alla corrente legata a Warhol, accentuata ancor più da fatto che in Thiebaud  manca un preciso intento di messa in discussione della cultura americana.

Thiebaud si è formato come disegnatore alla Walt Disney e si è sempre definito più “pittore” che “artista”. Lo accomuna a Morandi inoltre il forte interesse per gli oggetti di uso comune, spesso dipinti in serie ripetitive e valorizzati attraverso un’estrema attenzione all’uso della luce.

Nella sua carriera artistica Thiebaud ha dipinto anche molti paesaggi, proprio come Morandi. Nel 1972 uscì tra l’altro a San Francisco il libro “Invisibile Cities” di Italo Calvino, pubblicato dalla casa editrice Arion Press con dodici illustrazioni dell’artista d’oltre oceano.

Wayne Thiebaud, le cui opere sono presenti nei più importanti musei americani tra cui il MoMA, è sempre stato un grande estimatore di Giorgio Morandi apprezzandone in particolare la meraviglia dell’intimità e l’amore per lo sguardo prolungato”.

Risulta particolarmente significativo dunque l’accostamento delle opere del celebre artista statunitense, lavori lineari e raffinati contraddistinti da pennellate pastose, con le tele esposte in permanenza di Morandi. Lo spettatore può individuare ed esaltare le affinità tra le rispettive produzioni artistiche pur realizzate in differenti contesti storici e logistici.

In fondo la prestigiosa presenza di Thiebaud, sin qui invero poco rappresentato in Italia, contribuisce a rafforzare indirettamente la considerazione dell’artista italiano nel panorama mondiale dell’arte. Non per nulla si sta svolgendo in questo periodo in Giappone una grande esposizione itinerante incentrata sul dialogo tra Morandi, De Chirico e Fontana.

In concomitanza con l’evento è visitabile nella sala ottagonale di Palazzo d’Accursio anche l’Atelier d’Artista, di recente inaugurazione, spazio appositamente dedicato all’approfondimento delle tecniche e dei linguaggi pittorici di Morandi.

di Aurora Portesio

Wayne Thiebaud al Museo Morandi
a cura di Alessia Masi con la collaborazione di Carla Crawford
dal 4 marzo al 2 ottobre 2011
Museo Morandi, Piazza Maggiore 6, Bologna
orari: da martedì a venerdì ore 11-18; sabato e domenica ore 11-20

    Print       Email

You might also like...

A Treviso si riuniscono i migliori artisti del tatuaggio

Read More →