Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Ciclismo  >  Current Article

Ecco i convocati azzurri per i mondiali. Imprevedibilità sarà la parola d’ordine

By   /   14 settembre 2011  /   Commenti disabilitati su Ecco i convocati azzurri per i mondiali. Imprevedibilità sarà la parola d’ordine

Fuori i dopati e gli ex dopati, fuori gli scalatori per necessità, all’Italia non rimangono che atleti giovani, scattanti e pronti a tutto pur di mettersi in evidenza. Manuel Belletti, Daniele Bennati, Oscar Gatto, Francesco Gavazzi, Sacha Modolo, Daniel Oss, Luca Paolini, Manuel Quinziato, Matteo Tosatto, Giovanni Visconti e Elia Viviani, questi i nomi dei convocati per il mondiale di Copenaghen dal c.t Paolo Bettini.

Un capitano, Daniele Bennati, tre uomini d’esperienza che non hanno paura del vento in faccia, un tre volte campione d’Italia pronto a sorprendere ed altri cinque atleti pronti a “fare casino” come lo stesso Bettini ha dichiarato.

L’Italia non ha un fenomeno delle volate come Mark Cavendish, non ha un fenomeno in tutto come Philippe Gilbert, ma ha tanta voglia di scombussolare la gara, magari aiutata da formazioni che allo sprint sarebbero battute, cioè tutte le nazioni tranne l’Inghilterra.

“I circuiti più facili sono notoriamente quelli più insidiosi, soprattutto perché si andrà a tutta fin dalle prime ore di gara – ha dichiarato il c.t. -. Poi non scordiamoci che l’arrivo è in leggera salita e che, oltre ai velocisti Cavendish e Farrar, potrebbe favorire anche corridori esperti come Freire e Hushovd, o gente in gran forma come Sagan e il dominatore dell’anno Philippe Gilbert. Anche domenica in Canada ha sprintato in un finale molto simile a quello che troveremo ai Mondiali e ha guadagnato ben 16 secondi in poche centinaia di metri ai corridori che erano in fuga. Sono quindi convinto che anche a Copenaghen ci proverà. Certo dovrà cercare di rendere dura la gara e di arrivare con un gruppo più ristretto, ma il pericolo pubblico numero uno sarà lui. Vedremo quale tattica adottare guardandoci negli occhi alla vigilia della gara. Di sicuro, almeno nelle fase iniziali, non saremo noi che dovremo fare la gara, ma altre nazionali come il Belgio e la Spagna che hanno tutto l’interesse ad alzare il ritmo. Poi quando entreremo nel vivo della corsa, se ci sarà da fare casino ci saremo anche noi”.

All’inizio del mondiale manca meno di una settimana, l’Italia non parte tra le nazioni favorite e questa è una novità, ma l’imprevedibilità dei nostri uomini sicuramente ci farà divertire, e per la prima volta dopo molti anni cercheremo una medaglia anche nella crono con Adriano Malori e Marco Pinotti.

di Antonio Massariolo Follow me on Twitter

    Print       Email

You might also like...

Settebello: derubato della possibile finale

Read More →