Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

India. Nuovo attentato all’Alta Corte provoca 9 morti e 50 feriti

By   /   7 Settembre 2011  /   Commenti disabilitati su India. Nuovo attentato all’Alta Corte provoca 9 morti e 50 feriti

Una bomba nel palazzo dell’Alta Corte nella capitale New Delhi ha provocato la morte di 9 persone e il ferimento di almento altre 50.

Il Ministro dell’Interno, Palaniappan Chidambram, riferendo in Parlamento ha detto definito l’attentato “atto terroristico”, aggiungendo che la capitale è da tempo obiettivo di un “gruppo di terroristi”.

Secondo la polizia la bomba è stata posta in una borsa nell’ingresso principale del palazzo, vicino alla reception. L’esplosione, di media intensità, è avvenuta intorno alle 10.17 ora locale proprio mentre nell’androne del palazzo era pieno di avvocati e testimoni, perché il mercoledì è giorno di udienze.

Lo scorso 25 maggio un’auto bomba esplose davanti allo stesso palazzo di giustizia senza, per fortuna, causare morti. Adesso sia New Delhi che Mumbai, la capitale finanziaria, sono state poste in stato di allarme. Quest’ultima, peraltro, ha subito due mesi fa, il 13 luglio, un triplice attentato terroristico in cui trovarono la morte ben 26 persone.

I Servzi Segreti Indiani avevano allertato le forze dell’ordine di un possibile attentato a New Delhi, senza tuttavia indicare il gruppo terroristico che lo stava preparando. La capitale comunque non è nuova a episodi di terrorismo. Nel dicembre del 2000 ci fu l’assalto al celebre Red Fort in cui morirono 3 persone, e l’anno successivo, il 13 dicembre 2001, al Parlamento nazionale che costò la vita a 20. Nell’Ottobre del 2005 tre bombe furono piazzate, alla vigilia della popolare festa religiosa di Diwali, in tre affollati mercati cittadini, con 62 vittime e centinaia di feriti. Particolarmente sanguinoso fu il commando suicida che a novembre 2008 occupò il Taj Mahal e altri alberghi nella zona turistica, provocando oltre 170 vittime.

L’elenco non finisce qui perche’ altri attentati sono seguiti e, triste considerazione, altri ne seguiranno.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →