Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

USA. Il Texas brucia mentre gli Stati della costa sono sott’acqua!

By   /   6 Settembre 2011  /   Commenti disabilitati su USA. Il Texas brucia mentre gli Stati della costa sono sott’acqua!

Il fuoco, aiutato dal vento dell’uragano “Lee”, ha già distrutto quasi 500 case nei pressi della capitale, Austin.

Almeno 5 mila persone sono state evacuate nella contea di Bastrop, a circa 50 chilometri ad est di Austin e circa 400 sono stati sistemati in rifugi di fortuna.

Vento forte e siccità hanno agevolato il propagarsi del fuoco in una terra collinosa, bruciando pini e cedri, steccati e ranch. Le fiamme hanno mangiato 25 mila acri lungo la linea che si estende per circa 30 chilometri.

La più colpita è la città di Bastrop, di circa 6 mila abitanti, lungo il fiume Colorado, dove alte colonne di fumo si levano, oscurando il cielo. Circa 250 vigili del fuoco sono a lavoro per combattere le fiamme che, per fortuna, non hanno interessato la capitale, Austin, anche se nelle sue vicinanze 25 case sono andate distrutte e più di 1.000 abitazioni sono state evacuate. Ad ovest di Austin, nella contea di Travis, almeno 20 case sono andate distrutte e altre 30 sono state danneggiate.

Il Texas non è nuovo a queste esperienze, né a uragani. Da dicembre sono bruciati circa 3,5 milioni di acri di terra, un aerea della grandezza del Connecticut, e distrutte oltre 1.000 abitazioni. Il Texas forse avrebbe preferito le piogge che l’uragano “Lee” sta invece portando lungo le coste del Golfo, specialmente in Louisiana, Alabama e Missisippi. A New Orleans è caduto circa mezzo metro d’acqua e la città è allagata, ma per fortuna non si prospettano i danni provocati da Katrina, 6 anni fa.

Nel Vermont ancora si scava per riportare alla luce interi villaggi sepolti dalle inondazioni provocate, la scorsa settimana, dall’uragano “Irene”. Il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ieri era a Paterson dove il fiume Passaic in piena, causata dal passaggio dell’uragano Irene, ha spazzato via una città industriale di 150 mila abitanti.

Il Centro Nazionale per gli Uragani ha affermato che Lee ha originato un vento di circa 75 chilometri orari e il suo centro è stato a circa 180 chilometri ad ovest di New Orleans, muovendosi a 10 chilometri all’ora verso nord- nord ovest. Per fortuna, finora l’uragano Lee non ha provocato vittime, ma solo grandi danni.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →