Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Fumetti  >  Current Article

Planeta no mas!

By   /   2 Settembre 2011  /   Commenti disabilitati su Planeta no mas!

Se c’è stata negli ultimi 10 anni una casa editrice americana le cui vicende editoriali possono essere definite travagliate, probabilmente è la Dc comics.

Inizialmente c’è stata la gestione da parte della Play Press con la scelta di dirottare tutto il materiale in fumetteria, pubblicare solo determinate storie e lasciare in sospeso diverse serie (esempi clamorosi l’ultimo volume di Starman, Lanterna verde: Rinascita orfano dell’ultimo capitolo ed infine i volumi dello Spettro interrotti senza nessun avvertimento).

Con lo scadere dei diritti è subentrato il gigante iberico Planeta DeAgostini. Subito i lettori della Dc si sono esaltati leggendo le proposte che la casa editrice di Barcellona pubblicizzava sul suo sito spagnolo. Dopo poco però l’esaltazione lasciò spazio alla delusione. I prodotti Planeta tradotti in Spagna contenevano un numero spropositato di errori e refusi da far rabbrividire.

Clamoroso fu poi il caso dei primi numeri della collana” Le avventure di Superman” che vennero sostituiti in quanto illeggibili. Ma se dal punto di vista della cura editoriale la Planeta stava facendo acqua da tutte le parti, bisogna anche darle merito di aver cercato un rilancio del brand Dc comics in Italia.

Numerose collane da edicola (tra cui Lanterna verde, Superman e Batman) tantissimi volumi da libreria (per alcuni anche troppi) e cosa mai vista prima in Italia una grande quantità di ristampe di classici, materiali d’epoca e ristampe di lusso (come il cofanetto di The Preacher). Proprio la scelta di voler riproporre in libreria tante ristampe è stato l’input che ha portato la Panini a seguire l’esempio degli spagnoli. Quindi se adesso le fumetterie sono piene di omnibus e di classici della Marvel il merito è dell’editore della Dc comics.

Adesso però potrebbe iniziare una nuova era per la DC comics in Italia; è notizia di alcuni giorni fa che i diritti per la pubblicazione del materiale Dc, Vertigo e Mad a partire dal 2012 sono stati assegnati alla RW edizioni diretta da Lorenzo Corti.

Cosa dobbiamo aspettarci dalla RW?

Onestamente ancora non ci è dato saperlo, primo perché il loro incarico partirà solo nel 2012, e poi questo editore è praticamente “nato” nel momento in cui riceveva i diritti della DC comics.
Le uniche certezze sono che la collaborazione con Alastor e Pegasus distribuizioni sarà strettissima, come annunciato sul sito ufficiale e che continueranno sulla strada tracciata dalla Planeta proseguendo anche con la numerazione attuale.

Per adesso anche se l’ottimismo è tanto per i lettori della Dc ci sono ancora molti punti oscuri.

Primo fra tutti se il direttore editoriale Lorenzo Corti sarà in grado di gestire un parco testate immenso come quello Dc, Vertigo e Mad visto che il suo precedente incarico all’associazione culturale  Double shot prevedeva la pubblicazione di pochi volumi l’anno.

Riuscirà la RW nella titanica impresa di rilanciare in maniera degna e costante nel tempo la DC nel mercato delle edicole dove la Dc stenta dalla fine del 2000 ?

Leggeremo finalmente i volumi e gli albi della Dc senza il terrore di trovare refusi ed errori in ogni pagina? (considerando che il numero 16 di Lanterna Verde uscito questo mese parte in prima pagina con un baloon invertito, e che ultimamente parecchi i volumi da libreria  vengono stampati senza l’indicazione del prezzo di vendita).

Avremo tutte le serie allineate cronologicamente?
Per ora queste domande sono senza risposta, visto che per alcuni mesi il materiale Dc resterà in mano alla Planeta, ma sicuramente è incoraggiante che la RW si stia dimostrando attenta alla comunicazione con i lettori, avendo già messo sul suo sito numerosi indirizzi e-mail per domande e richieste, cosa che purtroppo la Planeta nei suoi anni di gestione non era riuscita a fare.

Come  si dice in certi casi: “Chi vivrà vedrà!”. Quindi non ci resta che attendere il 2012 per vedere finalmente la RW  all’opera con la speranza di gustare i prodotti DC pubblicati in maniera impeccabile.

di Renato Umberto Ruffino

    Print       Email

You might also like...

Mask’d: the divine children

Read More →