Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Arte  >  Current Article

Alla Gagosian tante “stelle” mondiali del contemporaneo

By   /   12 Luglio 2011  /   Commenti disabilitati su Alla Gagosian tante “stelle” mondiali del contemporaneo

Ci voleva il più grande mercante d’arte al mondo per organizzare una parata di veri e propri mostri sacri dell’arte degli ultimi 60 anni, come gli artisti presenti a Roma fino al 29 luglio all’evento “Made  in Italy” presso la Galleria Gagosian.

Larry Gagosian ha inaugurato nel 2007 la sua unica sede italiana dando vita ad una splendida galleria nel cuore di Roma, tra Via Veneto e Piazza di Spagna. Dopo varie esposizioni, la galleria è ora alla sua prima collettiva e i nomi dei maestri presenti parlano da soli.

Si va da Andy Warhol, Cy Twombly, Robert Rauschenberg, Georg Baselitz, Marcel Duchamp, Alberto Giacometti a Dike Blair, Douglas Gordon, Damien Hirst, Richard Serra, Cindy Sherman. Ma non si possono davvero non citare tra gli altri David Smith, Jeff Koons, Roy Lichtenstein, Andreas Gursky, Gerhard Richter e infine Jean-Michel Basquiat.

Complessivamente, tra dipinti, sculture, fotografie e video, risultano esposti circa quaranta capolavori dei protagonisti dell’arte del mondo occidentale del secondo Novecento. L’intento dell’esposizione, curata da Mario Codognato, è quello di documentare, in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, come il Bel Paese abbia da sempre rappresentato una fatale e forse ineludibile attrazione nei confronti dei più importanti artisti.

Ciò avveniva fin dai tempi del Grand Tour, a cavallo tra Sette e Ottocento, quando gli uomini di cultura si recavano in Italia compiendo viaggi avventurosi per ammirare da vicino le opere classiche.

Ma quello che emerge dall’esposizione in questione è che anche durante il XX secolo gli artisti stranieri hanno ritenuto essenziale visitare l’Italia come obiettivo irrinunciabile nell’ambito della propria carriera artistica.

Non sono neppure rari i casi di artisti che in Italia si sono stabiliti definitivamente dopo essersi innamorati del nostro paese. Basti pensare a Georg Baselitz che dal 1987 ha deciso di vivere e lavorare sulla Riviera Ligure, piuttosto che a Cy Twombly, stabilitosi dal 1957 nel Lazio fino alla sua recente scomparsa avvenuta a Roma.

Tanti sono i maestri amanti del “Made in Italy” e moltissimi quelli che dal nostro paese hanno tratto ispirazione, sia studiando le opere dei grandi artisti del passato, sia ammirando le nostre bellezze paesaggistiche o le nostre eccezionali vestigia archeologiche.

Tutte queste caratteristiche hanno reso l’Italia vero punto di riferimento per gli amanti dell’arte, rappresentando il nostro Paese l’ideale connubio tra tradizione e modernità.

La mostra, attraverso le opere esposte di tanti maestri pur diversi tra loro nel modo di concepire l’arte, riesce a documentare efficacemente quanto l’Italia sia stata e risulti tuttora centrale nel contesto e nella considerazione artistica internazionale.

di Aurora Portesio

Made in Italy
a cura di Mario Codognato
dal 17 maggio al 29 luglio 2011
Gagosian Gallery, Via Francesco Crispi 16, Roma
orari: da lunedì a venerdì ore 10,30-19,00

    Print       Email

You might also like...

Dipendenza da videogiochi: l’OMS ha deciso

Read More →