Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Musica  >  Current Article

Fiorella Mannoia: Caracalla, Bahia e la solidarietà.

By   /   5 luglio 2011  /   2 Comments

Caracalla le volle così maestose per destinarle poi all’uso del popolo. Sono le terme imperiali di Roma che, costruite sull’Aventino fra il 212 e il 217, sono oggi un esempio di grandiosità delle opere di epoca romana.

E’ una notte calda, i pini di Roma hanno le foglie come immobili perché il vento ha deciso di lasciare agli ospiti di questa serata solo il meglio del clima, ritirandosi di buon grado. Le luci sono un ultimo tocco magico, delicate, rispettose del contesto.

E lei è là, al centro della scena, fra ruderi imponenti che la mostrano al suo pubblico come fosse una donna minuta, persa in tanta grandezza.

Invece Fiorella Mannoia canta il suo repertorio di più di 30 canzoni, con la sua solita eleganza, muovendosi come un giunco consapevole del suo fascino, del gradimento di chi la ascolta, l’ammira, la applaude. Un abito nero, come suo solito, elegante, con un alto spacco centrale. Ha i tacchi, non più scalza, danza su qualunque musica coi movimenti della samba, passione che non l’ha più abbandonata da quando il Brasile è diventato la sua seconda Patria.

Non è sola: con lei e la sua band c’è la grande orchestra Roma Sinfonietta diretta dal maestro Maurizio Abeni, ed è così che i “soliti brani” come Sally, per esempio, diventano, se possibile, ancora di più poesie donate alla musica dei violini, dei sax, delle trombe, dello xilofono.

Un concerto che ha un’importanza davvero particolare perché inserito nell’ambito di un progetto di solidarietà attraverso Axè, l’associazione fondata da Cesare de Florio La Rocca, un italiano che ha dedicato la vita (oltre 44 anni, dice sul palco) al recupero degli invisibili, per cercare di interessare i ragazzi all’arte, alla bellezza, alla musica “sperando di arrivare prima del crack”.

“Canto per loro, per i ragazzi di Bahia quindi, ma anche per quelli di  Roma” perché questo concerto vedrà il suo ricavato diviso tra due progetti: uno (www.Axeitalia.net) per il recupero dei ragazzi di strada di Salvador Bahia, l’altro in borse di studio ai ragazzi della scuola di danza del Teatro dell’Opera di Roma.

Lei continua, instancabile: I cieli d’Irlanda, Quello che le donne non dicono, I dubbi dell’amore, Oh che sarà.

Musica, la sua musica, Roma e l’amato Brasile: una notte magica, ancora più emozionante per la sua indiscussa protagonista.

di Alga Madìa

    Print       Email
  • Pingback: borse donna

  • Laura

    Mi sai dire il titolo della canzone con cui ha aperto il concerto?
    Grazie

You might also like...

Led-Zeppelin

I Led Zeppelin pubblicano delle registrazioni inedite (ASCOLTA)

Read More →