Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Atletica  >  Current Article

È morto Cosimo Caliandro, atleta delle Fiamme Gialle

By   /   11 Giugno 2011  /   Commenti disabilitati su È morto Cosimo Caliandro, atleta delle Fiamme Gialle

Non vorremmo mai dare di queste notizie, ma la vita è anche questa. È successo ieri pomeriggio ed è una notizia che ha sconvolto l’atletica italiana. Nel pomeriggio di ieri a Francavilla Fontana, Brindisi, l’azzurro, campione europeo dei 3000 è stato vittima di un incidente stradale. Il mezzofondista delle Fiamme Gialle, 29 compiuti lo scorso 11 marzo, era a bordo della sua moto che si è tragicamente scontrata con un’auto. Purtroppo, per l’atleta pugliese non c’è stato nulla da fare. Cosimo lascia la moglie Graziella e i figli Damiano e Cristian. A loro va il più sentito cordoglio da parte di tutto il mondo dell’atletica italiana. In segno di lutto il XII Memorial Nebiolo, in corso di svolgimento a Torino, si è aperto con un minuto di silenzio.

Cosimo Caliandro era nato l’11 marzo del 1982 a Francavilla Fontana (Brindisi). Si mise subito in luce nel ’97, quando era ancora cadetto e militava nella Nuovatletica Francavilla con il tecnico Piero Sternativo: stabilì due strabilianti migliore prestazioni nazionali della categoria sui 1000 (2:29.7) e sui 2000 metri (5:32.8). Passato alle categorie agonistiche, nell’Atletica Sud Puglia, aveva mantenuto le promesse, togliendo a Stefano Mei un antico primato allievi dei 1500 (3:45.62 nel ’99, stagione nella quale il brindisino fu pure finalista ai Mondiali “under 18” di Bydgoszcz) e poi conquistando l’oro agli Europei juniores di Grosseto 2001 con un’imperiosa progressione finale.

Reclutato dalle Fiamme Gialle dal 2001, è stato seguito da Pasquale Porcelluzzi e poi da Stefano Cecchini. Dopo alcune stagioni condizionate anche da un problema ad una gamba, aveva finalmente trovato fiducia e una solida continuità di rendimento. Il suo successo più grande nel 2007 con la medaglia d’oro nei 3000 metri ai Campionati Europei di Birmingham (GBR) conquistata con un’indimenticabile volata. Nel 2010 si era, quindi, affacciato anche sulla mezza maratona con il debutto alla RomaOstia. Nel suo curriculum sportivo diversi successi tricolore e 12 maglie azzurre.

Alla famiglia dell’azzurro vanno le più sentite condoglianze della redazione di Italnews.

di Armida Tondo

 

    Print       Email

You might also like...

GP Suzuka – Giappone: l’analisi della gara

Read More →