Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

La Cina sta costruendo la sua prima portaerei

By   /   8 Giugno 2011  /   Commenti disabilitati su La Cina sta costruendo la sua prima portaerei

Lo ha confermato il Capo di Stato Maggiore della Difesa Cinese, Generale Chen Bingde, il quale non ha voluto dire quando potrebbe essere varata, mentre ha precisato che essa non costituirà alcuna minaccia per i vicini.

La “Varyag”, questo è il nome della portaerei, è una rivisitazione in chiave moderna della versione costruita negli anni ’80, ma mai completata, lunga 300 metri. Alla fine della guerra fredda la “Varyag” rimase presso i cantieri Ucraini fino a che fu acquistata da compagnia cinese che la voleva trasformare in un casinò galleggiante con sede in Macau.

Ora la nave è in costruzione presso i cantieri del porto di Dalian e da indiscrezioni sembra che potrebbe iniziare le prove in mare entro il prossimo anno, ma per la piena operatività ci vorranno ancora alcuni anni.

L’assistente del Capo di Stato Maggiore, Tenente Generale Qi Jianguo, ha dichiarato che “anche quando sarà completata la nave non solcherà acque territoriali di altre Nazioni”. “Tutte le grandi nazioni del mondo hanno una portaerei perché è simbolo di grandezza…Sarebbe stato meglio che avessimo capito prima l’importanza del mare e migliorato le nostre capacità, ma non abbiamo pressioni che provengano dal Sud, dall’Est, dal Mar Giallo o dallo Stretto di Taiwan”.
 
La Cina possiede l’Esercito più grande del mondo e ha in corso dispute di confini con diversi Paesi, tra cui il Vietnam e le Filippine. Ma ha anche investito nella costruzioni di sottomarini e si ritiene che a breve potranno essere armati con missili balistici in grado di affondare una portaerei lontana oltre i 1.500 chilometri e che stia costruendo il suo aereo “stealth” e un aereo navale.
 
Gli Stati Uniti hanno espresso le loro preoccupazioni, ritenendo che tutto questo armamento potrebbe costituire una minaccia alle basi, alle navi e agli aerei americani in Asia.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →