Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Fumetti  >  Current Article

A Skeleton story n°1

By   /   6 Giugno 2011  /   Commenti disabilitati su A Skeleton story n°1

Nel mondo del fumetto può accadere che la morte non sia la fine di tutto ma un nuovo inizio.
Nel primo volume di “A skeleton story” seguiamo le vicende di Will Musil, criminale da strapazzo, che in seguito ad un inseguimento con la polizia muore.
Il destino di Will non è quello di riposare in pace ma di avere una seconda chance in una città popolata interamente da morti.
In questo luogo il comando è della vecchia signora (Ndr. No niente Juventus, è la morte) e nel momento in cui nel suo regno arrivano un gattino ed una bambina vivi gli agenti della morte iniziano la sua ricerca. Anche Will, ora detective post mortem, si mette alla ricerca dei due intrusi sperando di ottenere un riconoscimento e magari il rispetto delle persone care.
Dal punto di vista grafico il lavoro del duo Rak & Scop (Alessandro Rak ed Andrea Scoppetta) è fantastico. Una grandissima cura per il design dei personaggi, degli scenari ed in generale della parte grafica del volume.
In particolare i colori sono da applausi, una grandissima scelta di tonalità, la scelta di rendere le immagini “pastose” e calde, dando l’impressione di guardare dei piccoli quadri antichi.
La storia purtroppo si interrompe sul più bello lasciandoci in attesa del secondo volume per scoprire la verità sul destino di Will.
L’edizione della GG Studio è ottima, una buona scelta di materiali e una bella edizione brossurata.
Sono presenti alla fine del volume anche numerosi Extra tra cui degli sketch ed i making of di alcune tavole.
Inoltre da questo fumetto è stato tratto anche un videogame che come il fumetto si caratterizza per la grafica accattivante ed unica.
Se volete un consiglio sfogliate e leggete questo A Skeleton story, sicuramente rimarrete affascinati dal mondo di Will.
A skeleton Story n°1, GG studio, 48 Pag., brossurato, a colori, euro 4,90 .
di Ruffino Renato Umberto
    Print       Email

You might also like...

Quattro chiacchere tra la nebbia: intervista a Rocchi e Carità

Read More →