Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Fumetti  >  Current Article

Billy Bat n°1

By   /   3 Giugno 2011  /   Commenti disabilitati su Billy Bat n°1

L’anno è il 1949, Kevin Yamagata è un fumettista, il personaggio che gli sta dando popolarità si chiama Billy Bat, ma quello che sembra essere un semplice personaggio di fantasia potrebbe essere in verità un simbolo di grande importanza.
Billy Bat è un detective con le fattezze di un pipistrello che vive avventure simili a quelle di personaggi come Dick Tracy et similia.
Kevin è di origini nipponiche e quando scopre che il suo personaggio Billy Bat assomiglia in maniera impressionante al protagonista di un fumetto Giapponese parte alla ricerca del manga che sembra averlo ispirato inconsciamente.
Quello che inizierà come un viaggio di ricerca fumettistica evolverà in un giallo di cui Kevin ed il suo personaggio Billy saranno protagonisti.
Perché tutti sembrano conoscere il simbolo del pipistrello?
Come mai sembra che questo simbolo sia così importante?
Quale significato dare ai due pipistrelli?
Ovviamente tutte queste domande troveranno risposta nel corso dei volumi che compongono questa serie.
La caratteristica che rende molto particolare questo manga è la presenza del fumetto all’interno del fumetto.
Infatti nel corso del volume più di una volta l’azione si sposta da Kevin a Billy e viceversa.
Ritengo che Billy Bat sia un chiaro omaggio al fumetto Americano e guardando il personaggio viene subito in mente la creatura di Bob Kane, Batman.
Questa serie è realizzata da Naoki Urasawa con la collaborazione di Takeshi Nagasaki, che ormai dopo i successi dei precedenti Pluto e 20th Century Boys, sono una certezza nel creare trame coinvolgenti ed originali.
Ovviamente inconfondibili i disegni di Urasawa con il classico stile pulito ed elegante intervallato dal tratto comico nei frangenti in cui il protagonista è  Billy Bat.
La storia si rivela un classico di Urasawa e company, un trhiller psicologico che lascia il lettore incollato alle pagine dalla prima all’ultima vignetta.
Inquietante, a tratti comico ma sempre misterioso, questo il menù che ci propone l’autore con questo Billy Bat, degno successore di altri capolavori come Pluto, 20th Century Boys e Monster.
La serie in Italia è pubblicata dalla GP Publishing, e l’edizione è decisamente buona, in particolare le pagine a colori (n.d.r. Che sono parecchie) sono realizzate in maniera impeccabile al contrario della sfortunata edizione made in Panini di Pluto. La resa dei disegni e dei colori è ottima grazie alla carta impiegata, una carta bianca e dalla grammatura decisamente importante che evita le spiacevoli pagine trasparenti ormai marchi di fabbrica di molte case editrici nostrane.
Una veste editoriale importante comporta un costo elevato ed i 7,50 euro sono un prezzo decisamente alto per un manga di 200 pagine.
Ma se confrontiamo questa edizione con quelle degli altri manga di Urasawa pubblicati da altri editori dobbiamo ammettere che a parità di prezzo questa edizione è superiore.
Un consiglio: se non avete mai letto i manga di Urasawa Billy Bat è un ottimo inizio, se invece, come me, siete degli appassionati di questo autore non potete lasciarvelo sfuggire.
p.s. che Urasawa fosse un seguace del Re dei manga Osamu Tezuka si era capito con Pluto, ma in questo primo numero ci viene mostrata addirittura la prima opera del creatore di Astro Boy, se non è amore questo.
Billy Bat n°1, brossurato con Sovracopertina, B\N e colori, 200 pagg. euro 7,50, Gp Manga.
di Ruffino Renato Umberto
    Print       Email

You might also like...

Toomics e Prankster Comics insieme

Read More →