Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Canoa - Canottaggio  >  Current Article

Coppa del Mondo di canottaggio

By   /   30 Maggio 2011  /   Commenti disabilitati su Coppa del Mondo di canottaggio

Non poteva non brillare Lorenzo Carboncini, atleta delle Fiamme Oro di Sabaudia, toscano, che ha Monaco di Baviera ha ottenuto il miglior risultato in questa tappa di Coppa del Mondo per l’Italia. Il toscano in coppia con Niccolò Mornati, del Circolo Aniene, ha conquistato la medaglia d’argento nella categoria del due senza, al termine di una gara combattuta che alla fine vede prevalere la Gran Bretagna sugli azzurri, bravissimi negli ultimi 500 metri a tenere bene a distanza il temibile armo greco dei fratelli Gkountoulas.

Non dobbiamo scordarci che i due nel 2010 vinsero l’argento europeo e giunto quarto ai Mondiale e dopo il risultato di Monaco pare si stia candidando a diventare la barca di punta delle prossime competizioni, che vede il primo impegno con la gara di Lucerna.

Altri appartenenti al gruppo sportivo delle Fiamme Oro hanno portato in alto il tricolore, Armando Dell’Aquila e Luca De Maria, nel due senza pesi leggeri nei 2 mila metri, ha vinto la medaglia di bronzo, l’equipaggio in questione è allenato dal tecnico, nonché campione olimpico Valter Molea. In realtà l’Italia è stata ben rappresentata dai ragazzi del comandante Elmo Santini, per i risultati conseguiti ottenendo i migliori piazzamenti rispetto a tutta la Nazionale Italiana.

Gli atleti sabaudiani di adozione saranno impegnati nei Campionati Italiani Assoluti di Canottaggio, che si svolgeranno a Ravenna il prossimo 18 e 19 giugno  2011 e in seguito la terza Prova di Coppa del Mondo di Lucerna dove si potranno avere nuove indicazioni in vista dei Campionati Mondiali che si svolgeranno a Bled (Slo) il quattro settembre 2011 valevoli quali prove qualificative per le Olimpiadi di Londra 2012.

Fuori dalla finale A il quattro di coppia di Matteo Stefanini, Fiamme Gialle, impegnato con i compagni di società Simone Raineri e Simone Venier e con Paolo Perino. Il quadruplo azzurro è ottavo, secondo in finale B, dietro la Slovenia, ma anche in questo caso era lecito attendersi di più da una barca vicecampione del Mondo, pur orfana di Luca Agamennoni, diciottesimo sul doppio riserva gareggiante con il padovano Rossano Galtarossa, per infortunio.

Il canottaggio rosa con la pisana Eleonora Trivella, impegnata in una specialità difficile come il singolo PL femminile, è quattordicesima, risultato imitato dal fiorentino Umberto Patermo sul singolo Adaptive AS, voga solo braccia, specialità dove l’altro fiorentino Fabrizio Caselli è dodicesimo.

 di Armida Tondo

    Print       Email

You might also like...

Suzuki RGV Gamma 250 – Race replica anni 90

Read More →