Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Elezioni in Finlandia: vince il partito nazionalista “Veri Finlandesi”

By   /   18 Aprile 2011  /   1 Comment

Le urne si sono chiuse alle otto di ieri sera per i 5,3 milioni di Finlandesi. Il partito dei “Veri Finlandesi”, è stata la rivelazione di questa tornata elettorale, diventando con il 19% dei voti la terza forza dopo il partito conservatore “National Coalition Party” (NCP) che ha ottenuto il 20,4% dei voti e i Social Democratici con il 19,1% dei voti. Sconfitto il Partito del Centro, del Primo Ministro uscente, Mari Kiviniemi, che ha ottenuto solo il 15,8% e passa da 50 a 35 seggi.

Il Partito dei Veri Finnici è l’erede del “Partito Rurale” che nel 1970 quasi dal niente ottenne 18 seggi dei 200 previsti in Parlamento. Nel 1990, il partito Rurale non riuscì a mantenere le sue promesse elettorali e si sciolse.

L’incarico di formare il nuovo governo verrà dato al partito di maggioranza, l’NPC, e il Primo ministro molto probabilmente diventerà l’ex Ministro delle Finanze, Jyrki Katainen. Ma, nonostante abbia raccolti il 19% dei consensi, non è detto che il partito dei “Veri Finlandesi”, guidato da Toni Soini, potrà far parte della coalizione di governo, a meno che non ammorbidisca alcune sue posizioni. 

I “Veri Finlandesi” sono un partito nazionalista e di ultradestra populista, che si è caratterizzata per una politica di rigore, contro l’immigrazione e profondamente euroscettico. Quest’ultima posizione potrebbe influenzare il salvataggio dei Paesi Europei in difficoltà economiche come il Portogallo, poiché un veto della Finlandia potrebbe bloccare il pacchetto di aiuti.

Timo Soini, prima delle elezioni, aveva detto che non avrebbe partecipato a una coalizione che autorizzasse risorse finanziarie finlandesi in futuri “bailout”, a Paesi “scialacquatori”, a partire dalla richiesta Portoghese. In Finlandia, infatti, contrariamente a quanto accade negli altri Paesi, è il Parlamento che esprime il proprio voto sui piani di salvataggio finanziario europeo.

Peraltro, il negoziato tra UE, Banca Centrale Europea, Fondo Monetario Internazionale e Lisbona inizia proprio oggi e l’importo finanziario era stato inizialmente previsto di 80 miliardi di Euro.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Tra Egitto ed Etiopia è ancora guerra per l’acqua del Nilo

Read More →