Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Obama e i democratici incassano una sconfitta alla Camera

By   /   16 Aprile 2011  /   1 Comment

I repubblicani incassano la prima importante vittoria alla Camera. Ieri, con 235 voti favorevoli e 193 contrari, è stato approvato il bilancio per il 2012 presentato da Paul D. Ryan, repubblicano del Wisconsin e Presidente delle Commissione Bilancio.

Il progetto di legge fa parte di un pacchetto più ampio presentato dai repubblicani che riguarda i prossimi dieci anni e che prevede tagli al budget di 5,8 mila miliardi di dollari, mentre quello presentato da Obama e dai democratici era meno drastico e prevedeva solo 4 mila miliardi in 12 anni.

I maggiori tagli riguarderanno le spese sociali e tra queste i buoni pasto e il servizio sanitario per i meno abbienti e per gli anziani, ovvero per coloro che hanno superato i 65 anni, per i quali verrebbero tagliate le imposte sul reddito delle persone fisiche e quelle aziendali.

Il piano si pone lo scopo di coprire il deficit della spesa federale per i prossimi 10 anni, trasformando il sistema di assistenza sanitaria, i cui costi vengono attualmente sostenuti direttamente dal governo, con un sistema di buoni per la sottoscrizione di un’assicurazione privata.

Le spese sociali assorbono fondi a scapito di altre spese e, in una spirale negativa, creano ulteriori debiti che producono una sofferenza economica anche in prospettiva futura. Secondo il piano approvato, il deficit creato dagli interessi, che oggi valgono circa 40 centesimi per ogni dollaro che il governo spende, sarà, entro la fine della prossima decade, di soli 8 centesimi.

I repubblicani, forti della maggioranza alla Camera, hanno imposto la loro linea d’azione, ma adesso il provvedimento dovrà passare al Senato, dove i Democratici hanno la maggioranza e quindi potrebbero non approvare il testo ovvero cambiarlo radicalmente.

Si tratta comunque di una sconfitta per la linea democratica e per il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama che ha una diverso approccio al problema del debito pubblico, meno pessimistico di quello dei repubblicani per i quali, secondo Ryan, “le spese folli sono finite e non si possono spendere soldi che non si hanno”.

Resta da vedere cosa succederà al Senato, anche se la battaglia non è solo sul debito pubblico e sulle possibili soluzioni per il medio e lungo termine, ma, soprattutto, sulla popolarità del Presidente Obama e del suo oppositore Paul Ryan.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

1 Comment

  1. […] via http://www.italnews.info/2011/04/16/obama-e-i-democratici-incassano-una-sconfitta-alla-camera/ AKPC_IDS += "30705,";Popularity: unranked [?] Posted by admin on aprile 17th, 2011 Tags: America, Estero Share | […]

You might also like...

Emigrare? Meglio vicino a casa

Read More →