Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Area mediterranea  >  Current Article

Le cupole di Kairouan

By   /   13 Aprile 2011  /   Commenti disabilitati su Le cupole di Kairouan

Riconoscere e valorizzare la cupola come base dell’architettura tradizionale islamica e in particolare della città di Kairouan, in Tunisia. È questo l’obiettivo di un atelier a cui parteciperanno 20 bambini tra i 7 ed i 13 anni  sabato 16 e domenica 17 aprile 2011 nella città tunisina nell’ambito di un workshop sull’architettura tradizionale. Attraverso disegni, dipinti e fotografie del secolo scorso l’attività, condotta nell’ambito del progetto Montada  del programma europeo Euromed Heritage 4, si concentrerà sulla realizzazione di 10 modelli di cupole per pubblicizzare lo skyline più noto della città.

Kairouan  è “la città delle cupole”,  non per il frequente ricorso a questo tipo di architettura nella realizzazione delle case, che sono del tutto simili a quelle di  Sousse o di qualsiasi altra città tunisina, caratterizzate da un cortile centrale e dai tetti a terrazza, ma per il fatto di essere una “città santa”, sede della più antica moschea del Nord Africa e di tantissime altre. Un po’ come Roma, nel cui skyline si proiettano le innumerevoli cupole delle sue chiese barocche. E dalla Grande Moschea agli esempi meno monumentali di architettura religiosa, la cupola simboleggia il carattere religioso degli spazi più significativi di Kairouan. Da qui la decisione di far scoprire ai bambini, mediante laboratori sulle cupole e sulle case della città, questa soluzione costruttiva.

I bambini sono  uno dei capisaldi del progetto Montada e con essi l’istruzione, lo studio, la conoscenza e la diffusione del patrimonio tradizionale. Le attività di laboratorio hanno una  duplice valenza: incoraggiare la riflessione sugli elementi con cui si vive quotidianamente e allo stesso tempo sviluppare la creatività giocosa nel bambino. Durante il seminario, dopo aver spiegato l’importanza della cupola nell’immagine della città, i partecipanti  saranno chiamati a progettare, costruire e dipingere i loro modellini di cupole.

Obiettivi del progetto Montada sono la promozione del patrimonio  tradizionale; il rafforzamento dell’identità culturale attraverso una decisa appropriazione da parte della popolazione; la creazione di  più forum o luoghi di incontro per promuovere la partecipazione dei cittadini alla gestione del patrimonio; lo sviluppo di strumenti efficaci per la conservazione e la riabilitazione dell’architettura tradizionale; lo sfruttamento delle risorse del patrimonio della città tramite il suo utilizzo da parte della popolazione.

di Giuseppe Favilla

    Print       Email

You might also like...

Troppa TV fa male!

Read More →