Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Arte  >  Current Article

Antica gioielleria romena in mostra ai Mercati di Traiano

By   /   1 Marzo 2011  /   Commenti disabilitati su Antica gioielleria romena in mostra ai Mercati di Traiano

La lavorazione artistica della gioielleria è uno dei vanti e dei primati del made in Italy, ma forse proprio per questo il pubblico italiano, abituato all’elevata qualità della produzione orafa nostrana, può maggiormente apprezzare l’alto livello di manifattura degli antichi gioielli romeni esposti sino al 3 aprile presso il Museo dei Fori Imperiali ai Mercati di Traiano.

La mostra “Ori antichi della Romania. Prima e dopo Traiano”, è stata promossa, grazie alla collaborazione tra il Comune di Roma e il Museo Nazionale di Storia di Bucarest, per valorizzare le prestigiose origini del popolo romeno e farle conoscere in Italia, dove notoriamente si sono stabilizzati moltissimi migranti provenienti dalla Romania dando vita alla colonia straniera più numerosa, e per consentire nel contempo ai Romeni nati nel nostro paese di riscoprire le proprie origini.

Un intento quindi altamente sociale che potrebbe contribuire a mitigare in parte i pregiudizi che, spesso a torto, in Italia molti connazionali nutrono verso i Romeni.

I contatti tra le due culture risalgono a prima di Traiano ed i tesori esposti furono prodotti dai Daci, popolazione che all’inizio del II secolo d.C. fu conquistata dai Romani guidati dall’imperatore Traiano. Non è quindi casuale la collocazione dell’esposizione vicino alla Colonna Traiana, eretta proprio per celebrare la conquista della Dacia, e su cui sono narrati gli eventi delle cruenti battaglie combattute dai romani tra il 101 e il 106 d.C. contro il re Decebalo.

Il vero e proprio tesoro esposto ha un valore elevatissimo pari a oltre 65 milioni di euro e per il suo trasferimento a Roma si è ricorsi addirittura alla Garanzia di Stato in sostituzione delle polizze assicurative. Si tratta di 140 pezzi in oro e argento catalogabili dal XVII secolo a.C. al VI d.C., ovvero dall’età del Bronzo al periodo bizantino, che ben testimoniano la produzione orafa assai diffusa in Dacia almeno dal 4000 a.C., grazie anche alla presenza in loco di ricche miniere d’oro.

I curatori, Ernest Oberländer-Târnoveanu, Direttore del Museo Nazionale di Storia della Romania di Bucarest e Lucrezia Ungaro, responsabile del Museo dei Fori Imperiali ai Mercati di Traiano, hanno selezionato autentici capolavori di arte orafa antica che si fanno apprezzare ancor più oggi grazie alla loro manifattura incredibilmente moderna.

In particolare si possono ammirare i famosi bracciali spiraliformi di Sarmizegetusa, capitale della Dacia ai tempi della conquista di Traiano, che vengono prestati per la prima volta all’estero dal governo romeno. La caratteristica è proprio nella tecnica di lavorazione. Infatti a differenza dei gioielli del tardo Ellenismo e di quelli romani repubblicani, realizzati con sottili foglie d’oro, questi bracciali daci risultano particolarmente massicci e martellati a freddo.

Tra i gioielli che sfuggirono a Traiano, di sicuro abilmente nascosti da Decebalo, ecco poi la preziosissima collana di Hinova del XII secolo a.C., proveniente dal più ricco tesoro preistorico della Romania, e il rhyton d’argento dorato, un contenitore per liquidi utilizzato durante le cerimonie religiose del III-II secolo a.C., nonché venti stateri d’oro, monete risalenti alla metà del I secolo a.C. che rappresentano l’unico caso nella numismatica della Dacia in cui compare anche il nome dell’autorità emittente. Tra gli altri capolavori il pubblico potrà ammirare anche l’elmo di Poiana-Coţofeneşti e la coppia di fibule del tesoro di Pietrosa del V secolo d.C..

Evento da non perdere quindi, per il prestigio dei capolavori esposti e portati alla luce dalle scoperte archeologiche nella ricca Dacia, nonché per l’alto valore simbolico di rafforzamento dei già saldi legami secolari tra la cultura italiana e quella romena.

Ori antichi della Romania. Prima e dopo Traiano
a cura di Ernest Oberländer-Târnoveanu e Lucrezia Ungano
dal 17 dicembre 2010 al 3 aprile 2011
Museo dei Fori Imperiali ai Mercati di Traiano, Via IV Novembre 94, Roma
orari: martedì-domenica ore 9-19 

di Aurora Portesio

 

    Print       Email

You might also like...

Dipendenza da videogiochi: l’OMS ha deciso

Read More →