Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Nuova Zelanda: il numero delle vittime potrebbe salire a 200. Key “sisma catastrofico”

By   /   24 Febbraio 2011  /   Commenti disabilitati su Nuova Zelanda: il numero delle vittime potrebbe salire a 200. Key “sisma catastrofico”

Nuova Zelanda – Stanno svanendo le speranze di trovare altri sopravvissuti tra gli oltre 260 dispersi, mentre sale a 98 il numero delle vittime della violenta scossa di terremoto che martedi’ ha colpito Christchurch, la seconda citta’ del Paese.

Secondo le ultime dichiarazioni della polizia, fino a 120 corpi potrebbero ancora trovarsi intrappolati negli edifici crollati, tra i quali c’e’ anche una scuola.

Il sisma di magnitudo 6.3 della scala Richter, con un epicentro a soli 4 km di profondità, ha colpito in modo devastante la citta’ di quasi 400 mila abitanti all’ora di pranzo, proprio quando strade e negozi erano maggiormente affollate e gli uffici in piena attività.

Il sindaco di Christchurch, Bob Parker, ha descritto la cittadina come una “zona di guerra”. In una dichiarazione rilasciata ad un’emittente locale ha detto che potrebbero esserci 200 persone intrappolate negli edifici crollati. Le autorità hanno ordinato agli ospedali maggiori del Paese di rimanere pronti a ricevere i feriti, mentre le squadre di soccorso continuano a scavare tra le macerie in cerca di sopravvissuti.

È il secondo terremoto che colpisce la città in cinque mesi e la più grave catastrofe naturale per la Nuova Zelanda da 80 anni a questa parte.

“Probabilmente stiamo assistendo al giorno più buio del Paese” ha detto a una tv locale il Primo Ministro John Key. “Siamo molto timorosi che il numero delle vittime possa essere maggiore di quanto inizialmente previsto”, e aggiunge che si contano decine di stranieri tra le persone coinvolte nella tragedia.

Le squadre di soccorso finora si sono concentrate prevalentemente intorno alla torre televisiva di Canterbury nel centro di Christchurch, la zona maggiormente colpita. Ma nelle ultime ore le operazioni si stanno spostando nelle aree periferiche.

L’identità di alcune delle vittime potrebbe essere rilasciata già nei prossimi giorni, tuttavia fonti governative informano che potrebbe passare un mese prima che tutti i nomi vengano resi noti. Data la gravità delle lesioni bisognera’ ricorrere al prelievo del Dna e delle impronte digitali per identificare i corpi.

Key ha definito il sisma “catastrofico” e gli analisti stimano che i costi di ricostruzione si aggireranno intorno ai 12 miliardi di dollari.

di Samr Al Aflak

    Print       Email

You might also like...

Turchia: rimossi tre sindaci curdi con l’accusa di “terrorismo”

Read More →