Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Motori  >  Current Article

MotoGp, test Sepang: Simoncelli soddisfatto, delusione per Rossi

By   /   24 Febbraio 2011  /   Commenti disabilitati su MotoGp, test Sepang: Simoncelli soddisfatto, delusione per Rossi

È Casey Stoner a dominare con la sua Honda anche la terza e ultima giornata di test malesi che chiude il doppio appuntamento di Sepang, circuito che ospiterà  la 17esima del Mondiale di MotoGp dal 21 al 23 ottobre. Il pilota australiano ha ottenuto il miglior tempo di 1.59.665 e insieme a Pedrosa, arrivato secondo, è stato l’unico pilota a scendere sotto i due minuti. Subito dopo troviamo Marco Simoncelli e Andrea Dovizioso che confermano il momento d’oro per la Honda che sembra dominare conquistando ben quattro posizioni. Primo tra le Yamaha cè il texano Ben Spies, quinto, che precede Colin Edwards e Jorge Lorenzo. In ottava e nona posizione troviamo poi Álvaro Bautista ed Hiroshi Aoyama.

SIMONCELLI IN FORMA- La Honda sembra dunque essere la più veloce e competitiva e lo stesso Simoncelli sembra essere soddisfatto di queste prove che lo stanno forse configurando come uno dei prossimi protagonisti della stagione. Il pilota romagnolo non ha nascosto di essere molto contento di quanto fatto in questi giorni: “Vado via dalla Malesia molto contento del lavoro fatto in questi tre giorni ed anche contento di cambiare pista perché dopo sei giorni di prove in questi due test sul circuito di Sepang  sono alquanto esausto”. Poi aggiune: “Mercoledì con la gomma dura riuscivo ad essere molto veloce e invece giovedì, fin dall’inizio, andavo sensibilmente peggio e non riuscivo a fare gli stessi tempi. In ogni caso sono  abbastanza tranquillo perché la performance è stata determinata da una scelta di gomme non proprio azzeccata, forse sarebbe stato meglio optare per una gomma morbida come hanno fatto gli altri  e sarei stato veloce anch’io nella simulazione gara”.

DELUSIONE PER ROSSI- Per trovare una Ducati invece bisogna andare all’undicesimo posto con Valentino Rossi che non nasconde la delusione visto che per il pilota l’obiettivo era quello di chiudere in sesta posizioni e con distacco più ridotto. Bloccato mercoledì dalla febbre, è tornato in pista giovedì per l’ultima giornata di prove, completando 59 giri il migliore dei quali in 2’01”469 a 1.804 dal tempo record stabilito da Stoner su Honda. “Non abbiamo raggiunto gli obiettivi che volevamo” dice Rossi. “Sicuramente aver fatto solo due giorni invece di tre è stato uno svantaggio perché alla fine abbiamo dovuto rincorrere e nelle ultime due ore abbiamo provato tante cose per cercare di capire il più possibile. Qualche cosa andava bene ma si è messo a piovigginare e non ci sono più state le condizioni per spingere. Potrebbero essere delle buone idee per il futuro ma non ce l’abbiamo fatta a verificarle“.

Oggi Valentino è tornato in sella alla Ducati per lavorare duramente con la sua squadra ma la strada è ancora lunga dai tempi vincenti dei primi, come lui stesso ammette: “Il primo giorno pensavamo che si potesse fare, siamo partiti bene e siamo riusciti a far lavorare la moto anche con le gomme dure, una cosa positiva. Poi però non abbiamo fatto passi in avanti”.

Per quanto riguarda  lo sviluppo della moto dice: “Abbiamo delle buone idee per la parte dell’elettronica possiamo risolvere i problemi in poco tempo, ma per quanto riguarda la parte meccanica, gli assetti, non sono altrettanto sicuro. Ci abbiamo provato ma non ce l’abbiamo fatta“. A rendere tutto più difficile è anche la spalla destra, tuttavia migliorata rispetto al precedente test di inizio mese: “Anche se posso frenare forte poi faccio fatica a curvare, non riesco ad essere veloce in centro curva e a sfruttare bene la pista”.

La prossima sessione di test è in programma sulla pista di Losail, in Qatar, dove si aprirà la stagione del Motomondiale e Valentino sembra non essere molto ottimista: “È una pista diversa da Sepang che non è storicamente molto favorevole alla Ducati, quindi vedremo se riusciremo ad essere più veloci”. Fatto sta che per avere delle risposte concrete bisognerà aspettare i prossimi test anche se la strada sembra tutta in salita per la Ducati e Valentino.

Risulati terza giornata di test:

1. Casey Stoner AUS Repsol Honda Team 1.59.665 (37 giri)
2. Dani Pedrosa ESP Repsol Honda Team 1.59.803 (38 giri)
3. Marco Simoncelli ITA San Carlo Honda Gresini 2.00.163 (46 giri)
4. Andrea Dovizioso ITA Repsol Honda Team 2.0.541 (45 giri)
5. Ben Spies USA Yamaha Factory Racing 2.00.678 (32 giri)
6. Colin Edwards USA Monster Yamaha Tech 3 2.00.966 (29 giri)
7. Jorge Lorenzo ESP Yamaha Factory Racing 2.01.003 (48 giri)
8. Alvaro Bautista ESP Rizla Suzuki MotoGP 2.01.194 (34 giri)
9. Hiroshi Aoyama JPN San Carlo Honda Gresini 2.01.328 (48 giri)
10. Hector Barbera ESP Aspar Team 2.01.346 (21 giri)
11. Valentino Rossi ITA Ducati Team 2.01.469 (59 giri)
12. Nicky Hayden USA Ducati Team 2.01.469 (71 giri)
13. Loris Capirossi ITA Pramac Racing Team 2.01.493 (39 giri)
14. Cal Crutchlow GBR Monster Yamaha Tech 3 2.02.034 (50 giri)
15. Randy de Puniet FRA Pramac Racing Team 2.02.155 (42 giri)
16. Toni Elias ESP LCR Honda MotoGP 2.02.410 (57 giri)
17. Bike #T1 JPN Yamaha Test Rider 2.02.457 (40 giri)
18. Karel Abraham CZE Cardion AB Motoracing 2.02.506 (55 giri)
19. Bike #T2 JPN Yamaha test Rider 2.03.016 (13 giri)

di Elisa Cassinelli

    Print       Email

You might also like...

Moto GP – Thailandia

Read More →