Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Moda  >  Current Article

Donne di moda. Marisa Berenson. Icona anni ’70

By   /   22 gennaio 2011  /   Commenti disabilitati

Figlia del diplomatico americano Robert L. Berenson e della contessa Marisa de Wendt de Kerlor, iniziò la carriera come modella in Europa e a New York negli anni ’60 apparendo diverse volte su Vogue.

Viene definita la top model ribelle ma per bene che ha fatto epoca, di una bellezza enigmatica che ha incantato tra i più grandi personaggi dell’arte, dal fotografo Avedon al regista Kubrick.

Marisa Berenson presenta in Italia la sua autobiografia dal titolo “Momenti Intimi” dove la top-model italo-francese svela i suoi tanti misteri.

Una delle indossatrici più apprezzate di tutti i tempi, lanciata sul grande schermo da Luchino Visconti nel film “Morte a Venezia”.

Protagonista del film “Barry Lyndon”di Stanley Kubrick e di “Cabaret” di Bob Fosse, svela le sue passioni, i misteri, gli incontri, le gioie e anche i drammi, come quello dell’11 settembre 2001 quando perse la sorella Berry.

Iniziò la sua carriera giovanissima, uno scricciolo profumato, timido, educato, ma dagli occhi enigmatici e profondi, i suoi celeberrimi occhi verdi. 

Oggi Marisa Berenson è una bellissima signora di 63 anni, che ha ancora la capacità di evocare il fascino degli anni ’70 e dei mille personaggi che ha incontrato durante la sua carriera come Wharhol, Capote, Peter Sellers, Steven Meisel. 

Lei era lì negli anni ribelli e di contestazione, libera e innocente, hippie chic, i capelli riccioli, le piume anni ’20, i gioielli di Tiffany, gli occhiali alla John Lennon nei set fotografici. 

In una intervista afferma: “Noi modelle ci truccavamo da sole, a meno che non partecipassimo a una grande produzione e lì veniva fuori il talento di ognuna. Giravo con un borsone enorme pieno di toupet e cianfrusaglie”, quando la moda era un po’ come lei, come le donne, più libera. 

Nella foto della sua copertina appare oggi in ottima forma e a chi le chiede quale sia il segreto della sua bellezza, lei risponde dicendo che il trucco per una donna che vuole essere bella è l’attenzione alla meditazione, la ginnastica, il cibo sano e confessa di non toccare latticini, carne rossa, sale, alcol, zucchero, caffè, carboidrati…e di dormire almeno 9 ore al giorno! 

La disciplina che si imponeva sul set e nel lavoro come modella l’hanno salvata dall’alcol, l’eroina, le malattie che invece hanno coinvolto molti artisti di quegli anni. 

Un’icona di stile, di sobrietà e di eleganza, dalla vita affascinante; vi consiglio di leggere il suo libro!

di Licia Esposto

 

    Print       Email

You might also like...

Tahiti Fashion Week

Grande successo per la Tahiti Fashion Week

Read More →