Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Cuba lancia “EcuRed”, la sua enciclopedia on line

By   /   15 Dicembre 2010  /   Commenti disabilitati su Cuba lancia “EcuRed”, la sua enciclopedia on line

Cuba lancia sul mercato una sua enciclopedia, simile a Wikipedia, denominata “EcuRed.cu”, allo scopo di presentare al mondo la sua visione della storia.

Infatti, in prima pagina accanto al logo del sito web c’è scritto che “UcuRed è stato sviluppato per creare e disseminare la conoscenza di tutti e per tutti, da Cuba e nel mondo. Il suo nome recupera molteplici significati che si riferiscono, in primo luogo, all’Ecumene, prima parte abitata della terra e oggi tutto il mondo e le culture conosciute”. La sua filosofia è di accumulare e sviluppare la conoscenza, in via democratica e non a scopo di lucro e secondo un punto di vista non colonizzatore.

EcuRed è ottimizzato, per una visione migliore, con il browser Mozilla Firefox. Il nuovo sito, in lingua spagnola, sarà ufficialmente lanciato domani, ma è già funzionante ed ha avuto oltre 20.000 visitatori. Gli aggiornamenti potranno avvenire solo previa approvazione del gestore del sito che ancora non si sa chi sia.

EcuRed intende contrapporsi a Wikipedia, fondata il 15 gennaio  2001, un’enciclopedia multilingua e dai contenuti liberi poiché chiunque visitando il sito può suggerire dei cambiamenti agli articoli in esso contenuti, anche se in realtà esistono delle limitazioni sui circa 2.000 articoli controversi. Wikipedia ha più di 78 milioni di visitatori al mese, di cui 3,5 milioni di in Inglese e 682.000 in Spagnolo. Wikipedia è gestita da Wikimedia, fondazione senza fini di lucro, su cui si basano diversi altri “wiki” progetti.

Fidel Castro e suo fratello Raul, che nel 2008 lo ha sostituito alla guida del Paese, vengono, rispettivamente, descritti come “colui che scrive e partecipa alla lotta delle idee a livello globale e influenza decisioni importanti e strategiche della Rivoluzione”, mentre, Raul Castroun combattente rivoluzionario, un leader politico, uno statista e capo militare”.

Cliccando sulla parola “Stati Uniti”, ad esempio, EcuRed li descrive come “l’impero del nostro tempo che ha storicamente conquistato i territori e le risorse naturali con la forza da altre nazioni, per metterli al servizio dei propri affari e monopolizzarli…Consuma il 25% delle energie prodotte dal pianeta e nonostante il suo benessere più di un terzo della sua popolazione non riceve le necessarie cure mediche”.

Ecured afferma che gli Stati Uniti hanno sempre voluto occupare le isole Caraibiche e i leader hanno visto Cuba come “coloro che ammirano un bellissimo frutto che alla fine cadrà nelle loro mani”.

In prima pagina c’una breve sintesi storica di Cuba, la descrizione delle varie località cubane, la loro storia i martiri rivoluzionari e i personaggi delle storia cubana, ma tra  le Fonti raccomandate c’è anche un capitolo dedicato al Terrorismo di Stato degli Stati Uniti (“Enciclopedia del Terrorismo de Estado en las AmericasTerrorismo made in USA en las Americas”).

Entrando nell’Enciclopedia si legge: “L’Enciclopedia è il risultato del Meeting Internazionale in Difesa dell’Umanità a Caracas, capitale della Repubblica Boliviana del Venezuela, tra il 2 e il 4 dicembre 2004 e la Conferenza internazionale contro il terrorismo, per la verità e giustizia (L’Avana, Cuba, dal 2 al 4 giugno 2005). Affronta la questione del terrorismo promosso, finanziato e realizzato dal governo USA e dai suoi complici nel nostro continente. Raccogliere in poche parole: fatti, storie di piani terroristici e operazioni non devono essere visti come parte del passato, i personaggi in queste pagine buie della storia del continente e le testimonianze delle vittime e dei parenti che hanno subito così tante aggressioni, figlie della politica di Terrorismo Stato che ha subito il popolo latino-americano per decenni. Si propone di essere la piattaforma di incontro per le vittime, gli investigatori sul campo, e rivoluzionari che offrono la vita trasformando la realtà del continente, con l’impegno di essere fedeli alla verità, di contribuire alla conoscenza e alla memoria della storia dei nostri popoli, per la comprensione della costruzione attuali e futuri”.

Le relazioni tra Cuba e Stati Uniti sono da sempre rimaste tese anche se sono leggermente migliorate con Barack Obama. Tuttavia l’embargo, che dura da decenni, è ancora in atto e l’avversione dei cubani nei confronti degli Stati Uniti traspare in modo chiaro in EcuRed.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

La nuova centrale eolica del Montenegro

Read More →