Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Calcio  >  Current Article

Il mio calcio… Fabio Tavelli

By   /   4 December 2010  /   1 Comment

Giornalista e inviato di Sky Sport, Fabio Tavelli è uno dei volti più noti del telegiornale sportivo della televisione satellitare. Già telecronista (sul web è possibile trovare un suo entusiastico commento a una rovesciata di Peter Crouch) ha seguito i principali avvenimenti sportivi degli ultimi anni. Di ritorno dal Sudafrica ha pubblicato il suo primo libro, “La mia Sud Africa”, un diario di bordo nel quale ha voluto raccontare i 40 giorni al seguito del Mondiale africano.

E’ lui il protagonista settimanale della nostra rubrica.

Il campionato che preferisci?

La Premier League: stadi pieni, agonismo civile, belle riprese televisive e la sensazione di qualcosa assistere a uno spettacolo autentico.

Lo stadio più bello e coinvolgente?

San Siro: un muro di folla. Salire le scalette e sentire il boato del pubblico è qualcosa che mi mette ancora i brividi.

La partita che non dimenticherei?

È legata a un ricordo personale. Messico-Iran a Norimberga, Germania 2006: la mia prima telecronaca ai Mondiali. Ero emozionato ma carico a mille. Sapevo dei giocatori cose che secondo me nemmeno loro stessi ricordavano.

Il giocatore che ti ha regalato maggiori emozioni?

Hagi. E’ stato il primo “fenomeno” che ho intervistato quando ero un giovane cronista a Brescia. Un grandissimo giocatore, vederlo in campo era uno spettacolo.

La squadra che ricordi con nostalgia?

L’Olanda di Rinus Michels. Una squadra capace di dare un’impronta indelebile a questo sport. Giocavano a calcio come vorrei sempre veder fare.

Un episodio sportivo (non calcistico) che ricordi?

La vittoria di Katy Freeman nei 400 metri all’Olimpiadi di Sydney 2000. Ero allo stadio e ho quasi pianto dall’emozione.

L’atleta di tutti i tempi?

Muhammad Alì. E’ un eroe che ho scoperto tardi, ma leggendo molti libri che lo riguardano e avendo rivisto i suoi incontri mi sono convinto che Alì sia stato davvero il più grande di tutti.

Il libro sportivo da leggere?

Storia critica del calcio italiano di Gianni Brera. E’ stato il primo libro che ho letto, ne ricordo ancora molti passaggi. Credo che ogni appassionato di calcio lo debba leggere almeno una volta.

di Luca Paradiso

    Print       Email

You might also like...

Volley

Parma: consegnati i premi “Atleta dell’Anno”

Read More →