Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Al Ministro di Giustizia Giapponese la gaffe è costata cara

By   /   22 Novembre 2010  /   3 Comments

Il Ministro della Giustizia Giapponese, Minoru Hanagida, si è dimesso questa mattina  dopo aver scherzato sul suo lavoro di parlamentare.

Hanagida si era lasciato andare ad alcuni commenti durante un incontro privato con la sua circoscrizione elettorale nella prefettura di Hiroshima. In quell’occasione aveva detto che i parlamentari devono ricordare solo due frasi: “non voglio commentare sui casi singoli” e “agisco secondo legge e sulla base di prove”.

L’opposizione, che aveva giudicato le parole di Hanagida un grave insulto, stava preparando una mozione di sfiducia nei suoi confronti e, pertanto, ha accolto con soddisfazione le sue dimissioni, annunciate questa mattina in una conferenza stampa a Tokio.

In verità, molti politici Giapponesi sono caduti per le loro gaffe, tra cui il Ministro del Turismo che si è dimesso dopo appena quattro giorni dalla nomina per aver detto che i Giapponesi non gradiscono gli stranieri.

Ma queste dimissioni, ancorché non mettano in pericolo la stabilità del governo, tuttavia contribuiscono ad erodere il consenso popolare del Primo Ministro Naoto Kan già duramente criticato per il modo con cui sta gestendo i rapporti con la Cina e la Russia.

Inoltre, il gesto cade in un momento delicato in quanto il centro destra ha fatto mancare il suo appoggio, ritardando l’approvazione del pacchetto di incentivi per un valore di 61 miliardi di dollari con il quale il governo spera di stimolare l’economia del Paese.

L’incarico ad interim di Ministro di Giustizia sarà assunto dal Capo di gabinetto, Yoshito Sengoku.

I malumori interni al Giappone nascono dalla nota questione del peschereccio Cinese che aveva speronato un pattugliatore della guardia costiera Giapponese e il conseguente arresto del Capitano, poi rilasciato. L’episodio aveva provocato un notevole raffreddamento delle relazioni con la Cina e la ripresa delle polemiche sulle isole contese.

Sotto l’aspetto economico, l’economia Giapponese è cresciuta nel terzo trimestre a un ritmo su base annua del 3,9 %, ma tutti i segnali indicano una rapida decelerazione nel trimestre in corso. Il rallentamento delle esportazioni e uno yen forte cominciano a farsi sentire sulla Terza economia mondiale, con il pericolo di deflazione.

Per tutte queste inquietudini, secondo un sondaggio, condotto dal quotidiano Mainichi, l’attuale amministrazione è scesa dal 49% al 29% dei consensi, e di questi il 71% era favorevole alle dimissioni del Ministro Yanagida. I sondaggi, il cui margine d’errore è del 5%, sono molto influenti in Giappone e in passato molti governi ne sono stati condizionati.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

3 Comments

  1. […] This post was mentioned on Twitter by Valerio and Egidio Pignatelli, ItalNews.info. ItalNews.info said: Al Ministro di Giustizia Giapponese la gaffe è costata cara: Il Ministro della Giustizia Giapponese, Minoru Hana… http://bit.ly/bGGktx […]

  2. camerata graffignone ha detto:

    PER UNA SCEMATA COME QUESTA IN GIAPPONE UN MINISTRO SI DIMETTE; IN ITALIA CIO’ NON SUCCEDEREBBE PER COSE ANCHE PIU’ GRAVI! CHE DIFFERENZA TRA LA LORO MENTALITA’ E LA NOSTRA! PER NOI TUTTO VA BEN…MADAMA LA MARCHESA. IL NOSTRO GRANDE SILVIO PUO’ DIRE TUTTO QUELLO CHE VUOLE CHE NESSUNO LO SCOLLA DALLA
    SUA POLTRONA.

  3. andre ha detto:

    come in italia! (ironico)

You might also like...

La Corea del Nord celebra il suo fondatore

Read More →