Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Haiti: aumentano i contagi per epidemia di colera, primo caso a Santo Domingo

By   /   17 November 2010  /   Comments Off

La situazione ad Haiti sta peggiorando di ora in ora. L’epidemia di colera che ha colpito il paese si sta espandendo e a preoccupare sono i numeri: si stima infatti che le persone morte a causa del colera siano almeno mille mentre i contagi siano a quota 15mila. Molti vivono nelle tendopoli e chi si ammala, spesso, non riesce neppure ad arrivare in ospedale o si presenta in condizioni così disperate che non è possibile intervenire per curarli.

L’epidemia di colera è scoppiata il 19 ottobre nel dipartimento haitiano di Artibonite e piano piano sta colpendo svariate zone: ogni giorno arrivano richieste di soccorso da abitanti di Cap Haitien, Port de Paix, Gonaives, e Gros Morne.

Intanto un primo caso è stato segnalato nella Repubblica Dominicana: il ministero della Salute dominicano ha reso noto che un uomo di 32 anni di origine haitiana rientrato pochi giorni fa da una visita ad Haiti è stato ricoverato in isolamento nell’ospedale di Higuey, nell’est del paese. Questo, nonostante il governo dominicano abbia previsto misure di controllo come la limitazione dell’ingresso di haitiani nel paese e scambi commerciali con Haiti.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) il colera che ha colpito Haiti, per la prima volta da oltre un secolo, è destinato a rimanere nel paese ancora per alcuni anni. L’Oms ha poi ribadito che “gli sforzi si stanno concentrando sulle attività per controllare l’epidemia e fornire aiuti ed assistenza alle persone colpite. Ci saranno indagini, ma adesso non sono una priorità”.

Ma l’emergenza sembra essere più grave del previsto e Medici senza Frontiere, impegnata ad Haiti, lancia l’allarme: “le organizzazioni attualmente coinvolte non possono fronteggiare da sole una simile emergenza e le violenze contro i caschi blu non fanno che aggravare la situazione”.

L’ ordine pubblico rischia di sfuggire al controllo delle autorità locali e internazionali e la situazione è sempre più caotica. Continuano infatti gli scontri a Cap-Haitien, seconda città di Haiti, dove un gruppo di persone ha manifestato contro il contingente nepalese dei caschi blu dell’Onu, che alcuni considerano responsabile della diffusione dell’epidemia di colera. I dimostranti hanno preso il controllo delle strade, dove hanno eretto barricate incendiando pneumatici. I voli commerciali sono stati bloccati.

Durante gli scontri alcune persone hanno sparato contro dei militari che hanno reagito con spari in aria e poi ad altezza d’uomo colpendo a morte un ragazzo di 20 anni. Un secondo giovane è poi rimasto ucciso durante altri scontri e assalti ad un commissariato e al quartiere generale dell’Onu a Cap Haitien.

Queste violenze però ostacolano gli aiuti necessari per fronteggiare il disastro. Il presidente di Haiti, Rene Preval, ha invitato la popolazione alla calma e ha detto che “il disordine e l’instabilità’ non sono mai stati delle soluzioni per un paese che attraversa momenti difficili”. Preval ha poi denunciato la scorrettezza di alcuni gruppi che approfittano dell’epidemia e del terremoto di gennaio per creare disordini e incomprensioni tra le autorità nazionali, la missione Onu e la popolazione: “Dovete stare ancora piu’ attenti a quelli che sfruttano le disgrazie del Paese per il loro proprio tornaconto”.

Di Elisa Cassinelli

    Print       Email

You might also like...

bilancia

USA. Un giudice dichiara incostituzionale la legge contro l’immigrazione

Read More →